32° giornata di A: in scena l’ultimo turno infrasettimanale della stagione.

Neanche il tempo di “digerire” le festività pasquali che subito si torna in campo per l’ultimo turno infrasettimanale della stagione. La 32° giornata di Serie A si preannuncia molto calda, visti i vari intrecci che interessano tutte le zone della classifica.

Si parte stasera alle 20.45 con l’anticipo tra Chievo Verona e Milan: i rossoneri, per l’ennesima volta in emergenza quasi totale in difesa e a centrocampo, si affidano al solito Ibrahimovic per tentare il momentaneo controsorpasso alla Vecchia Signora al Bentegodi di Verona, campo storicamente ostico per qualsiasi squadra. Si continua mercoledì alle 20.45, con la neocapolista Juventus impegnata in casa contro la Lazio: i bianconeri hanno confermato di essere la squadra più in forma del momento e vogliono continuare a guardare tutti dall’alto. Di fronte una Lazio incerottata ma che, nonostante le tante assenze, punta dritta ai preliminari di Champions, forte anche dell’importante successo contro il Napoli nell’ultimo turno di campionato.

In zona Europa si preannunciano molto interessanti le partite RomaUdinese, NapoliAtalanta e InterSiena. All’Olimpico va di scena la sfida tra Totti e Di Natale: i giallorossi devono riscattare la disfatta di Lecce e alimentare le residue speranze di agganciare il terzo posto, obiettivo anche dei friulani, reduci dal successo interno sul Parma che ha ridato fiducia e speranza in chiave Champions. Al San Paolo il Napoli vuole tornare al successo e dimostrare che la sconfitta col Chelsea è ormai solo un lontano ricordo, cercando il successo che manca dalla partita col Cagliari del 9 marzo; di fronte l’ex tanque Denis, già in gol a Napoli lo scorso anno con la maglia dell’Udinese, guiderà i suoi cercando il riscatto dopo la sconfitta interna col Siena, ormai quasi salvo, che tenterà comunque di strappare punti all’Inter, in cerca di una vittoria per restare agganciata al treno per l’Europa.

In zona salvezza, saranno fondamentali carattere e motivazione: il Lecce, forte del 4-2 sulla Roma, cercherà di espugnare il Massimino, fortezza del Catania rivelazione di Montella; dopo l’insperato successo sul Milan, la Fiorentina ospita il Palermo dell’ex Miccoli, aggrappandosi a Jovetic e Amauri, tornato al gol sabato scorso dopo quasi un anno di digiuno. Infine Parma e Genoa, entrambe al quart’ultimo posto, ospitano Novara e Cesena, ormai quasi spacciate ma non ancora condannate dalla matematica: c’è bisogno dei 3 punti per allontanare il Lecce e gli spettri di una inaspettata retrocessione. Si chiude giovedì alle 20.45 al Dall’Ara, dove Bologna e Cagliari, quasi tranquille, cercano quei pochi punti per un finale di campionato più sereno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *