A rischio chiusura 3000 farmacie per la manovra

Con la nuova manovra economica, i tagli alle farmacie potrebbero costare la loro chiusura.

La Federfarma afferma che si andrà a tagliare l’utile del 30% di 17.500 farmacie, di cui molte reggerebbero in quanto la vendita è rapportata ai tanti clienti nelle grande città, ma in quelle dei paesini con meno affluenza la manovra costerà sicuramente la loro chiusura. Sono circa 3000 le farmacie a rischio.

La manovra economica di Tremonti se passasse così com’è ora, andrebbe a recuperaare 428 milioni di euro l’anno, ma costerebbe il fallimento di quelle a basso reddito e quindi andrebbe rivista.

Ora la manovra è al Quirinale ed è al vaglio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Napolitano potrebbe non firmare ancora e far rivisitare la nuova finanziaria per le farmacie interessate a rischio chiusura, per evitare la chiusura del 20 % delle farmacie più piccole ed evitarne la chiusura di almeno 3000 con più basso reddito.

Si eviterebbe così anche una conseguente disoccupazione dei proprietari e personale addetto che resterebbe senza lavoro.

La presidente di Federfarma, Racca, lancia l’allarme sperando che qualcuno al governo lo raccolga.

3 Comments

  1. TRANI 1 giugno 2010
  2. bolt 1 giugno 2010
  3. Ionnlavoroxleasl 7 giugno 2010

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *