Acido Citrico : alcune soluzioni per risparmiare

L‘acido citrico, che in natura si trova abbastanza comunemente nella frutta ed in alcuni funghi per esempio, può essere utilizzato per creare in casa alcune soluzioni in alternativa ai detersivi industriali.

Esso lo si trova abbastanza facilmente nelle drogherie, nei negozi di prodotti bio/ecologici e su internet (basta inserire sui motori di ricerca il nome e compariranno alcuni esempi di negozi on line che lo vendono).

Di seguito vi metto alcuni esempi di utilizzo con una diluizione in acqua del 20% (vale a dire che in un litro di acqua metteremo 200 gr. di acido citrico):

In lavatrice: 50 ml di soluzione al posto dell’ammorbidente
Sui capelli: 20-25 ml di soluzione in un litro d’acqua per rendere i capelli più morbidi
Come anticalcare: lasciare agire sulle superfici per qualche minuto e risciacquare. Non utilizzare su marmo, cotto, pietre e legno.

Nel wc: 50 ml di soluzione da lasciare lì anche tutta la notte, al mattino una spazzolata e il wc risplende.

Pentole d’acciaio con aloni di calcare: sulla spugna puro o con un po’ di detersivo per piatti.
Per fissare i colori scuri (blu, marroni e neri): 100 ml in 5-6 litri d’acqua; ammolla il capo che rischia di stingere per 24 ore o più, poi lavi con detersivo leggero in acqua fredda. Funziona sia col cotone che col lino, sulla lana non so. I jeans si mantengono egregiamente per un sacco di lavaggi.

Disincrostante per lavatrici: versare la soluzione direttamente nel cestello vuoto ed effettuare un lavaggio con programma ad alta temperatura.

Brillantante per lavastoviglie: versare al soluzione nella vaschetta del brillantante regolando l’indicatore al massimo.

Disincrostante per macchine di caffè e ferro da stiro: passare la soluzione con una spugna direttamente sulle incrostazioni.

La cosa più importante nell’utilizzare l’acido citrico e che le soluzioni prodotte sono completamente e rapidamente biodegradabili (per una salvaguardia dell’ambiente), si riciclano all’infinito i flaconi (secondo vantaggio per l’ambiente), non contengono ovviamente derivati di origine animale e non sono testati su animali.

Producendoli in casa non contribuiamo all’effetto serra causato dai trasporti su strada per il tragitto fabbrica/negozio  e negozio/casa e non contengono nessun derivato di origine petrolifera o conservanti che è sempre meglio evitare si metterli in contatto con la nostra pelle considerando che in molte casa ci sono anche dei bambini.

Vi è inoltre il lato economico (una confezione da 500 gr. costa circa 6 euro che può sembrare tanto ma guardate quanto costano i detersivi ecologici!!!!!!) e la soddisfazione personale di averli fatti noi.

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *