Al via i saldi invernali

   Come ogni  anno, finite le festività natalizie, comincia la corsa ai saldi di fine       stagione. Le prime regioni ad essere interessate dai saldi sono Basilica, Campania e Sicilia dove già da oggi, 2 gennaio, si potranno fare acquisti a prezzi scontati. Nel resto d’Italia l’appuntamento con i ribassi è fissato a partire dal 5 gennaio.

A fronte di un bilancio in calo per le spese natalizie, effetto della crisi economica che soffoca il paese, i negozianti sperano di rifarsi nei 60 giorni di saldi invernali. Le previsioni sono però tutt’altro che rosee: Confcommercio prevede infatti una spesa media di circa 359 euro, mentre secondo il Codacons ogni nucleo familiare non spenderà più di 224 euro. Complessivamente rispetto al 2012 si attende un saldo in negativo del 15%.

Anche stavolta le promozioni nel settore abbigliamento e accessori sono in realtà iniziate già da qualche giorno: molte grandi catene di negozi hanno tentato così di andare incontro alle necessità di risparmio delle famiglie italiane.

Fare shopping durante il periodo dei saldi necessita però di alcuni accorgimenti. Il sito dell’Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori) ha stilato un decalogo per mettere in guardia i consumatori da frodi e per indirizzarli verso una spesa intelligente. La regola base da seguire è quella dell’accortezza: prima di scegliere dove acquistare si consiglia di visitare diversi negozi per confrontare prezzi e qualità della merce e di non farsi trarre in inganno da sconti che superano il 50%. Bisogna ricordare inoltre che esistono delle regole che impongono il cambio della merce qualora il prodotto non corrisponda a quanto propagandato o sia difettoso. Si consiglia quindi di diffidare dagli esercizi commerciali che espongono cartelli del tipo “la merce venduta non si cambia”. Questo non vuol dire però che sia valido il diritto di recesso: se la taglia è sbagliata o avete cambiato idea potete fare affidamento soltanto sulla disponibilità del negoziante.

Buono shopping a tutti!

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *