Alexi Murdoch: folk d’autore, verso il sole

Alexi Murdoch è un cantante e compositore inglese che si distingue sicuramente. E lo fa per la sua vena intimista e riflessiva, che emerge chiaramente in questo suo nuovo lavoro musicale, dal sapore folk e acustico.

E’ uscito da poco e si intitola “Towards the sun“. Contiene appena 7 canzoni, ma sembra badare soprattutto alla qualità, piuttosto che alla quantità.

Fra le canzoni che troviamo al suo interno, si distingue in maniera rilevante “Crinan wood“. Si tratta in pratica di una suite che sfiora i 9 minuti, dotata di un ritmo essenziale di una chitarra dal carattere minimalista. Con la voce che esprime poche parole, sembra indurre emozioni subliminali e riflessioni di carattere spirituale.

Slow revolution” ha il potere di catturare l’attenzione, già dal suo semplice titolo. La voce è maggiormente melodica e si appoggia piano su una chitarra acustica morbida come un tessuto di seta. E mi sembra di scorgere i brividi comparire piano sulla mia pelle.

Ciò che lascia un po’ attoniti è l’assoluto senso di lentezza che si respira all’interno di questo cd. La sperimentazione sembra portata all’estremo, ma non sempre il risultato è adeguato al tentativo portato avanti con coraggio. E ci sono dei momenti in cui il disco sembra perdersi nel vuoto. Obiettivamente, Alexi Murdoch ha del talento da spendere e potrebbe fare di meglio in futuro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *