Allarme in Italia: disoccupazione al 8,9%

Definirlo un dato “poco rassicurante” per le sorti dell’economia italiana, sarebbe riduttivo; il dato che ci fornisce l’Istat circa la disoccupazione in Italia è davvero da “allarme rosso“.

Il tasso di disoccupazione in Italia ad Aprile 2010 è pari a 8,9 punti percentuali, rispetto 8,8% del mese precedente; è il peggior dato negativo inerente la disoccupazione Italiana dal quarto trimestre del 2001.

Rispetto ad un anno fa (Aprile 2009), il dato è peggiorato di ben 1,5 punti percentuali; era infatti fissato a 7,4%.

Gli inattivi in Italia, con età compresa tra 15 e 64 anni sono ben 14.810.000 unità.

Rispetto ad un anno fa, il numero di occupati in Italia è calato di 307.000 unità; benchè il numero di occupati ad Aprile 2010 sia in aumento dello 0,2% rispetto al mese precedente, il dato stagionale  rispetto all’anno precedente è inferiore dell’1,3%.

La generazione che più sta pagando il “dazio” relativo alla diffoltosa situazione economica nazionale nonchè internazionale in tema di disoccupazione? Come è facile prevedere i giovani.

La disoccupazione giovanile, infatti, ha toccato un valore massimo fissato a 29,5% in aumento di 1,4% rispetto al mese precedente e in aumento di ben 4,5 punti percentuali rispetto ad un anno fa, ovvero Aprile 2009; è il peggior dato Italiano relativo alla disoccupazione giovanile dall’anno 2004.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *