Ambiente: biciclette elettriche in Italia come a Parigi?

Anche nel nostro paese sempre più spesso accanto a motorini, Scooter, motocicli, piano piano si stanno facendo largo le biciclette elettriche ecologiche.

Questi mezzi di trasporto che mescolano l’antico pedalare alla tecnologia moderna, hanno parecchi pregi, uno tra i meno citati è quello di “forzare”, senza che se ne accorga, l’ utilizzatore a praticare una attività fisica, sempre consigliata per mantenere il nostro organismo sano.

Tra quelli più noti invece troviamo, il mancato consumo di carburante, con la conseguente mancata produzione di gas di scarico, questo se porta ad un risparmio finanziario, visto che sparisce il costo del carburante, aiuta l’ ambiente e noi stessi vista la mancata produzione di sostanze inquinanti.

Senza dubbi in questo settore si contraddistinguono le biciclette a pedalata assistita, che sono poi anche quelle più diffuse, si tratta di mezzi moderni ed eleganti che consentono, di muoversi in assoluta agilità e comodità, all’ interno delle nostre intasatissime città, dotate di un piccolo motore che aiuta, “ non sostituisce” la pedalata, riducendo in parte lo sforzo fisico.

In parole povere sono biciclette tradizionali a cui è stato aggiunto motore di dimensioni ridotte che a seconda del modello può essere posizionato posizionato prima della ruota posteriore o nella zona dei pedali.

La velocità raggiungibile è stimata in 25 km orari, la batteria delle biciclette a pedalata assistita è di dimensioni molto modeste e sono facilissime da ricaricare con un paio d’ore di collegamento ad una normale presa elettrica.

Ci sono vari tipi di biciclette elettriche,

Le classiche, replicano la forma delle biciclette tradizionali. Le leggere, che limitano al massimo gli accessori per sfruttare meglio il peso ridotto e integrare meglio motore e sforzo fisico.

Le compatte, di dimensioni ridotte e trasportabili con altri mezzi di locomozione. Le speciali, con linee avveniristiche, diverse funzioni tecnologiche, diversa disposizione del sellino e dei pedali.

Il successo maggiore a livello metropolitano, sino ad oggi si è registrato a Parigi, grazie anche ad un incentivo pari al 25% del prezzo garantito dal comune francese.

Secondo gli osservatori del settore, le vendite di biciclette elettriche, nello scorso anno sono aumentate del 67%, mentre sembra, che la tendenza per l’ anno 2010 sia addirittura al rialzo rispetto allo scorso periodo, un risultato eccezionale.

Anche in Italia, questo tipo di mezzo di locomozione, si sta pian piano facendo largo, il fenomeno è infatti in netta crescita,

Le aziende specializzate in questo tipo di prodotto sono parecchie, e l’ offerta è molto varia e allettante, tra le aziende più note troviamo Italwin, Frisbee, Cicloone Erotech, MiGi. Armony, come vedete c’è solo l’ imbarazzo della scelta.

I dati inerenti le vendite sono in continuo aumento, aiutate come è capitato in Francia, dagli incentivi, che ormai in quasi tutte le regioni, comuni, provincie vengono offerti a chi procede all’ acquisto di biciclette elettriche, come alternativa al traffico.

I prezzi variano a seconda del tipo di prodotto, si va dalle più economiche, che presentano costi tra i 400 e i 500 euro, ai modelli più tecnologici e raffinati, con costi che possono raggiungere anche i millecinquecento euro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *