Apple e Samsung manderanno in pensione le sim card?

Fino a qualche tempo fa, il mercato della telefonia mobile era un mercato vario e pieno di concorrenza. Poi Apple e Samsung hanno preso il sopravvento, stabilendo un vero e proprio monopolio. Tutte le altre aziende non hanno saputo innovare e stare al passo coi tempi, una su tutte la Nokia, che dall’avvento degli smartphone è letteralmente scomparsa.

Ormai Apple e Samsung sono così potenti e affidabili per i loro utenti, da potersi permettere di rivoluzionare da sole il mondo della telefonia mobile. È di pochi giorni infatti la notizia, che l’azienda sudcoreana e la casa di Cupertino, stanno tentando di mandare in pensione la cara e vecchia sim card, che a quanto pare, dopo essere stata rimpicciolita per farla entrare negli smartphone di ultima generazione, sarà abolita del tutto.

A pochi giorni dall’annuncio del lancio sul mercato a settembre del nuovo iPhone 6s, la Apple, in accordo con la Samsung comincerà a creare dei cellulari che non necessitano più delle sim così come siamo abituati a conoscerle, cioè come delle schede da inserire nel telefonino per avere una linea telefonica con un operatore.

Secondo quanto riportato dal Financial Times, le due aziende che hanno monopolizzato il mercato della tecnologia negli ultimi anni, starebbero trattando con la Gmsa, l’associazione mondiale che rappresenta l’industria della telefonia mobile, per il nuovo standard e-Sim, una scheda integrata nel cellulare che consentirà di passare da un operatore all’altro senza bisogno di sostituire la Sim.

Il nostro modo di vedere la telefonia mobile sta dunque cambiando molto rapidamente, e siamo sicuri che questo sviluppo farà passi da gigante nei prossimi mesi, visto che alla trattativa stanno partecipando anche compagnie quali Vodafone, Telefonica, Hutchison Whampoa (3), Orange, Deutsche Telecom, Etisalat e AT&T.

Naturalmente ancora non ci sono notizie certe, ma si pensa che i procedimenti per passare da una compagnia all’altra e da un’offerta all’altra saranno di molto semplificati. Si potrà infatti cambiare offerta, senza avere vincoli con l’operatore in base alle tariffe di volta in volta più convenienti.

Vedremo se questa novità sarà accolta bene dal mercato. Noi siamo sicuri di si, visto che questo cambiamento è voluto da tutte le maggiori potenze mondiali nel campo della telefonia mobile.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *