Arrestato a Foggia il super latitante Giuseppe Pacilli

Giuseppe Pacilli, 39 anni, considerato uno dei 10 latitanti più pericolosi d’Italia, è stato arrestato ieri mattina in un casolare tra Manfredonia e Monte Sant’Angelo.

L’uomo, latitante dal 2008 quando è evaso dagli arresti domiciliari, deve scontare una condanna ad 11 anni di reclusione per cumulo di pene, anche se sulla sua testa pendono due ordini di custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa ed estorsione.

Giuseppe Pacilli, che non ha posto resistenza agli agenti che lo avevano braccato, come precisa una nota della Polizia era nell’elenco dei latitanti “di massima pericolosità” del ministero dell’Interno “per la sua caratura delinquenziale”.

Il boss è considerato vicino al clan Li Bergolis, la famiglia dei “Montanari” di Monte Sant’Angelo da sempre in guerra con gli Alfieri- Primosa, che da anni lasciano una scia di sangue e morte nella cosiddetta faida del gargano.

“L’arresto di Pacilli è un grande successo che viene da enormi sacrifici personali e professionali degli uomini che lo hanno catturato perché si tratta di un esperto “montanaro” latitante in zone molto impervie”. Ha detto il Procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *