Audi vuole Ducati. Trattative in corso?

Sono di qualche settimana fa le voci che vedono il patron Audi , Ferdinand Piëch, grande patito delle due ruote , al centro di una trattativa di ben 840 Milioni di Euro per l’acquisizione della Casa di Borgo Panigale da parte del gruppo Volkswagen.

L’ambizioso progetto di Piëch, non è una novità per gli appassionati; l’ingegnere aveva infatti già intavolato la trattativa nel 2005, che però non si era conclusa favorevolmente a causa della non proprio florida situazione finanziaria della Ducati.

Seppur il debito Ducati esista ancora ( anche se si è ridimensionato), è pronto alla sfida, conscio di avere alle spalle una compagnia, la Volkswagen per l’appunto, che vanta, a bilancio 2011 appena chiuso, un utile di 15 Miliardi di Euro.

L’eccellenza Italiana quindi, la fa da padrona e riveste ( per fortuna ) un buon ruolo, di questi tempi; se non altro, riferisce la Fiom ( Federazione Italiana Operai Metallurgici ), se la trattativa si concludesse positivamente, la cosa gioverebbe a tutti, soprattutto ai dipendenti della Casa, che vedrebbero i loro posti di lavoro riconfermati, una crescita della produzione e una risalita delle vendite nel mercato che, per intenderci, non si era mai arrestata ma che, negli anni, aveva subito notevoli rallentamenti.

Inoltre i ben informati assicurano: il marchio Ducati continuerebbe ad essere prodotto in Italia e anzi, l’acquisizione permetterebbe la costruzione di un nuovo stabilimento. Certo, è un peccato cedere una delle nostre eccellenze in fatto di meccanica, a mani tedesche, ma, visto come è andata al marchio Lamborghini ( acquisito sempre da Audi ) e ai successi ottenuti nella vicina S.Agata Bolognese, c’è da ben sperare.

Se questo andrà ad intaccare la nostra storia, i nostri valori? Speriamo di no.

Una cosa però accomuna tutti, Ducatisti e vertici Volkswagen ( soprattutto l’amministratore delegato Martin Winterkorn) : il rosso PIACE, tranne quando ad essere in rosso sono i conti….. e in tutta sincerità, non possiamo che essere d’accordo con lui.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *