Bari, Tarantini fermato per “spaccio e pericolo di fuga”

tarantini.JPG_370468210L’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini è stato fermato dalla Guardia di Finanza di Bari mentre si trovava nell’aeroporto della città.

L’uomo era recentemente saltato alle cronache nell’ambito delle indagini della procura di Bari sul presunto giro di escort che avrebbero frequentato alcune feste con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

La figura di Tarantini emersa dalle indagini lo ritrae come principale responsabile dei contatti con le ragazze e dei pagamenti per le loro prestazioni; è inoltre indagato nell’ambito di irregolarità negli appalti nel settore della sanità in Puglia e presumibilmente coinvolto in un giro di spaccio di stupefacenti.

Proprio l’accusa di spaccio di stupefacenti è il motivo ufficiale che ha portato al fermo: il procuratore della Repubblica Antonio Laudati ha giustificato la dicisione affermando che “c’era un forte rischio di inquinamento delle prove ed un reale pericolo di fuga”.

L’inchista della procura aveva portato il 7 Agosto scorso all’arresto di Massimiliano Verdoscia e Stefano Iacovelli, sempre con l’accusa di spaccio. Il primo dei due è l’uomo che aveva presentato Tarantini alla D’Addario, il secondo è accusato di comprare e distribuire cocaina negli incontri che Tarantini organizzava con l’intento di procurarsi amicizie politiche.

All’arresto dei due uomini (ora ai domiciliari) si era giunti anche a seguito di alcune dichiarazioni dell’imprenditore pugliese, che aveva assunto un atteggiamento collaborativo con la procura. Negli ultimi giorni però i magistrati avevano avviato una procedura di accertamento sulla bontà di tali dichiarazioni sospettando un tentativo di inquinamento delle prove.

Intanto proseguono gli interrogatori delle oltre 30 ragazze reclutate per le feste nelle varie residenze del premier: oggi sono state ascoltate Vanessa Di Meglio e Francesca Lana insieme ad altre sei ragazze. La Di Meglio, secondo le dichiarazioni di Tarantini, si sarebbe fermata almeno una volta a Palazzo Grazioli, mentre la Lana era stata intercettata mentre parlava di cocaina e jet set.

Gli investigatori hanno comunque precisato che le ragazze sono state intervistate soltanto in veste di testimoni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *