Berlusconi: procura Milano esamina dichiarazioni minorenne marocchina

Avevamo appena dimenticato i festini partenopei e le imbarazzanti telefonate con Noemi ed il nostro premier si sarebbe fatto pizzicare un’altra volta.

La Procura di Milano ha aperto un fascicolo in seguito alle dichiarazioni di una minorenne marocchina del giro di Lele Mora (vecchio amico del premier) che, dopo essere entrata alla corte di Arcore, sarebbe entrata ripetutamente in contatto con Berlusconi.

La vicenda resta naturalmente tutta da verificare poichè potrebbe trattarsi di una balla o peggio di un ricatto della ragazza attualmente ospite di una comunità protetta. Vera o meno, questa storia non farà di certo piacere al Presidente del Consiglio che già alla prese con mille problemi politici ed il tentativo di tenere unito un governo orami allo sfacelo, potrebbe essere costretto a dover fronteggiare un altro scandalo dopo il caso della minorenne napoletana Noemi Letizia.

E pensare che “papi” era riuscito quasi a far cadere l’episodio nel dimenticatoio (ne combina così tante che è difficile ricordarsele tutte) con la sua usuale maestria da prestigiatore consumato. Un compito che sembrava difficile anche in un paese come l’Italia dove truffe, scappatelle coniugali e menzongne sono considerate normali o peggio motivo di vanto.

Vedremo cosà accadrà e se le voci provenienti dalla magistratura milanese saranno confermate o smentite. In ogni caso, se dovesse scoppiare lo scandalo, Berlusconi dimostrerebbe una grande imprudenza, perché in seguito agli scandali dell’ultimo annetto, chiunque avrebbe adottato una condotta pià cauta che non lo esponesse a ricatti e pressioni di ogni tipo.

Oppure che scrive si sbaglia e non ha capito nulla: Berlusconi è così sicuro di se stesso e dell’immunità mediatica di cui gode che nemmeno questo ennesimo capitolo delle sue “chanson de geste” erotico-politiche lo preoccupa minimamente.

E quando avrà messo a tacere tutti e questa storia sarà acqua passata tra qualche mesetto, il premier potrà ritirarsi in una delle sue ville faraoniche e tra una sveltina e l’altra pensare un’ennesima volta“però… sapevo che gli italiani erano dei pirla, ma fino a questo punto non ci speravo!.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *