Berlusconi vuole vendere il Milan?

berlusconi-milanBerlusconi potrebbe vendere il Milan, questa la sensazionale notizia che sta rimbalzando su internet da qualche ora.

Secondo voci attendibili infatti il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, incalzato dalle richieste dei due figli maggiori, Piersilvio e Marina, avrebbe accettato di imboccare la strada che porterebbe alla cessione definitiva del Milan.

La decisione, maturata durante l’estate, sarebbe dovuta ad una serie di motivi, tra cui il “pressing” della famiglia per uscire dal calcio,  i numeri assai gravosi del bilancio rossonero e soprattutto gli effetti delle vicende societarie sui sondaggi politici e sulle elezioni.

Se prima il Milan poteva rappresentare un vanto per Berlusconi, con i risultati deludenti delle ultime stagioni, e soprattutto dopo un calcio mercato povero di acquisti eccellenti e ricco di vendite clamorose, il Milan rischia di diventare il tallone d’Achille del premier: “La vicenda Kakà – ha ricordato lo stesso Berlusconi – mi ha fatto perdere 2 punti nell’ultima tornata europea”.

Fonti autorevoli che hanno deciso di rimanere anonime, hanno addirittura fatto trapelare la notizia secondo cui, nel recente viaggio di Berlusconi in terra libica (avvenuto proprio l’indomani del deludente derby milanese, perso dal Milan per 4-0), il Presidente del Consiglio avrebbe proposto al leader libico Gheddafi di cedergli il club rossonero. Il prezzo di acquisto si aggirerebbe tra i 600 e gli 800 milioni di euro, soldi che sarebbero erogati da uno dei fondi sovrani libici (Central Bank of Lybia, Lybian Investiment Authority o il Lybian Foreign Bank).

Secondo una recente nota, la Fininvest sembrerebbe smentire una possibile cessione di quote della società A.C. Milan, ma sarà davvero cosi? E secondo voi che Milan sarebbe, se la società passasse in mano libica? Potete lasciare le vostre impressioni nei commenti.

2 Comments

  1. Maurizio 7 settembre 2009
  2. Daniele 8 settembre 2009

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *