Borse aperte: tutte in forte calo. Milano – 0,87%

La manovra finanziaria promossa dall’Italia, in cui si leggono tra le altre soluzioni la riduzione delle province sotto i trecentomila abitanti.

Il taglio dei comuni sotto i mille abitanti e il famigerato “contributo di solidarietà” (prelievo economico del 5% per tutti i lavoratori con reddito tra novantamila e centocinquantamila euro.

Prelievo del 10% per redditi superiori a centocinquantamila euro), è stata accolta con molto favore dall’Unione Europea.

Dall’Europa ci si auspica che la manovra sia approvata in tempi brevi dal parlamento italiano e con larga convergenza. In realtà le opposizioni, ma anche alcune parti della maggioranza, osteggiano aspramente queste soluzioni, ritenendole inefficaci per lo sviluppo del Paese.

Con la riapertura dei mercati si è potuto analizzare l’impatto. La borsa di Milano, l’FTSE MIB, non risponde adeguatamente (chiude in negativo -0,87%). Anche le altre borse europee chiudono male.

C’è il serio pericolo che la manovra formulata dal Governo Berlusconi non sia efficace per risolvere la crisi economica e finanziaria.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *