Bossi: “L’inno d’Italia non lo conosce nessuno”. Ennesimo attacco all’unità nazionale

bossi-inno-mameli-nazionaleHanno fatto discutere le parole pronunciate da Bossi alla festa della Lega Nord a Ponte di Legno. In questa occasione ha sottolineato come il “Và pensiero”, inno della lega, sia maggiormente conosciuto e apprezzatto dell’Inno di Mameli, ovvero quello della nostra repubblica.

Questa è solo l’ennesima di una serie di affermazioni forti che caratterizza il personaggio di Umberto Bossi.

Nella stessa occasione ha inoltre spiegato come suo principale obiettivo sia liberare l’Italia dall’oppressione del centralismo romano, definendo la capitale “ladrona”. Ma non solo commenti negativi, un apprezzamento è stato dedicato al Presidente Napolitano.

Secondo Bossi i pregi di Napolitano sono stati quelli di non essersi mai opposto al governo e di aver mantenuto la neutralità che dovrebbe caratterizzare appunto la figura del presidente della Repubblica. Tutti ricordiamo però, a titolo di esempio, il famoso caso Englaro quando Napolitano si rifiutò di firmare il decreto legge presentato dal Presidente del Consiglio.

Bossi con la nuova legislatura si è riguadagnato una grossa posizione all’interno del panorama politico italiano, divenendo uno dei politici più influenti o, sicuramente, uno dei politici in grado di far parlare di sè. Indubbiamente il merito di questa visibilità va dato alla sua partecipazione al governo che gli ha permesso di accquisire maggiori credenziali agli occhi di giornali e telegiornali.

Non dobbiamo dimenticare però che maggiore visibilità richiede maggiori attenzioni. Infatti in quanto rappresentante del corrente governo, Bossi può essere preso a portavoce internazionale del pensiero italiano.

Quello che mi chiedo, senza nessun tipo di propaganda politica, è se si può considerare accettabile da parte di un deputato della repubblica, criticare o comunque in un certo senso sminuire uno dei maggiori simboli di quell’unità nazionale che un rappresentante del parlamento dovrebbe naturalmente simbolizzare. E voi…cosa ne pensate?

fonte: Il Giornale

2 Comments

  1. Toscano 18 Agosto 2009
  2. Mino 20 Gennaio 2010

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *