Burj Khalifa: Dubai sfida l’Olimpo

torre_del_califfo

Burj Khalifa: Dubai sfida l’Olimpo. Dubai lancia la sfida. Non bastavano i 553 metri della CN tower di Toronto, o i 628 metri dell’antenna TV del Nord Dakota .

Per Dubai non erano abbastanza.  Così, il 4 gennaio 2010, tra spettacolari giochi pirotecnici , la città del lusso ha inaugurato la costruzione più alta mai costruita dall’uomo: il Burj Khalifa

Il Burj Khalifa, ovvero ‘’Torre del califfo’’,  mette in gioco cifre da capogiro. 828 metri d’altezza, lungo la quale sfrecciano 58 ascensori alla velocità di 10 metri al secondo. Più di 4 miliardi di dollari per la realizzazione della torre, e circa 20 miliardi di dollari in totale per l’intero circondario. La costruzione è sicuramente un forte segnale da parte di Dubai, la quale, con questo atto, mette in mostra la sua intraprendenza e il suo desiderio di lasciarsi alle spalle la grave crisi.

Il grattacielo è stato progettato dall’architetto statunitense Adrian Smith, già noto per altre imprese titaniche come l’AT&T Corporate Center di Chicago e la Jin Mao tower di Shangai. La torre presenta tre elementi disposti su un corpo centrale. Più la torre si innalza, minore sarà la sezione trasversale della struttura, dando quindi  l’impressione di una composizione ‘’a petalo’’. Per la sua realizzazione,  infatti, l’architetto afferma di essersi ispirato al disegno dell’Hymenocallis; un fiore particolarmente apprezzato a Dubai.

L’intero edificio è in grado di mettere sul piatto della bilancia il lusso più sfrenato.  Sui 160 piani di questo idolo dell’architettura sono distribuiti hotel extra-lusso, uffici ed appartamenti. Questi ultimi in particolare sono letteralmente ‘’andati a ruba’’ se si considera che, a sole poche ore dall’apertura delle vendite, sono risultati tutti ‘’Sold out’’. Tra gli hotel iper-esclusivi spicca invece al 37° piano l’Armani hotel, il quale, per una notte all’insegna dello sfarzo, chiede cifre che dovrebbero partire dai 600 euro.

Evidentemente, al Burj Khalifa, tutto parla di numeri strabilianti. Dubai ha lanciato la sfida. In futuro vedremo chi avrà il coraggio di rilanciare.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *