Buzz: il Social Network secondo Google

C’era da aspettarselo. Anzi, col senno di poi, vien quasi da chiedersi come mai non sia successo prima. Che cosa? Che Google sviluppasse un Social Network, ovviamente.

Proprio oggi Buzz, il nuovo social network di Google, fa la sua comparsa come integrazione di Gmail. Un evoluzione del messaggio di stato, una sorta di microblogging, una via di mezzo tra Twitter e Facebook (di Twitter, ha la leggerezza e la semplicità; di Facebook, la possibilità di commentare ogni stato separatamente, senza bisogno di replicare tramite il proprio status).

L’unica pecca è forse la mancanza di eleganza della struttra commenti di Facebook (eleganza e praticità, nonostante tutti i problemi di Facebook non si può certo dire che la struttura dei commenti agli status non sia estremamente chiara e bella da vedere), e si avvicina in questo un po’ a FriendFeed.

E’ possibile pubblicare link e foto oltre alla frase-status: la funzione foto funziona bene, carica un’anteprima senza perdita di qualità con link all’immagine intera, salva e memorizza le foto condivise dividendole in cartelle per data, e si integra con Blogger, rendendo disponibili le foto caricate nel proprio blog; la funzione link invece si presenta un po’ scarna, senza anteprima e con qualche problema nell’importazione del titolo della pagina linkata.

L’interfaccia è semplice e ben integrata all’interno dell’email. Rimane comunque un dubbio sull’utilità di una funzione simile all’interno della propria posta, soprattutto considerando che al momento attuale, Buzz non ha nulla che altri Social Network non abbiano (e non combina nemmeno le funzioni di più Social Network in uno spazio solo).

D’altra parte, dati i precedenti di Big Google, esiste una possibilità tutt’altro che remota che a questo Buzz così basilare verranno aggiunte funzionalità originali e uniche, di modo che non potremo più farne a meno.

In fondo, qualche anno fa Google era un semplice motore di ricerca…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *