Capelli crespi? Niente paura! C’è la “spazzola progressiva”

Per molte donne, la cura dei propri capelli rappresenta un vero e proprio incubo.

Si prova di tutto, pur di riuscire a domare i propri capelli crespi. Capelli che, al minimo aumento di umidità dell’aria, cominciano a gonfiarsi, a prendere pieghe indesiderate…spesso roba da far concorrenza alle abnormi acconciature femminili degli anni ’80, o persino a Caparezza.

E a nulla sembrano servire balsami spazzole e piastre che, a causa dell’abuso, spesso non fanno che indebolire i capelli.

Molti sono stati i tentativi di risolvere definitivamente il problema dei capelli crespi. E finalmente sembra essere arrivata una soluzione. Direttamente dal Brasile.

Forse una di quelle belle donne dai capelli indomabili,  dopo aver distrutto il televisore nel guardare l’ennesima pubblicità di prodotti per capelli, ha convinto/costretto il marito-ricercatore ad  impegnarsi nella ricerca di una soluzione davvero innovativa.

E la soluzione è arrivata: si tratta della spazzola progressiva.

No, non è un congegno alieno capace di lisciare i capelli grazie alle proprietà quantiche dei suoi atomi.

La spazzola progressiva non è altro che una tecnica innovativa basata su delle applicazioni periodiche (da qui il termine progressiva) di prodotti a base di cheratina ( il principale costituente dei nostri capelli, che si degrada a causa degli agenti atmosferici e del Sole), seguite da rapide passate con la piastra.

Dopo un mese di trattamento, persino le più ostinate pettinature afro possono diventare acconciature lisce come seta ( non bisogna dimenticare, tra l’altro, che il prodotto è nato in Brasile, nota patria di “cespugli indomabili”).

La procedura dura più o meno un’ora e deve essere fatta da mani esperte, ma il risultato è sicuramente strabiliante e la soddisfazione finale di avere un’acconciatura invidiabile con così poco è forse qualcosa che potrebbe far addirittura commuovere alcune donne.

Il trattamento è già disponibile, in Italia.  Alle donne resta solo da sperare che non sia tutto un sogno…

4 Comments

  1. lalla 18 agosto 2010
  2. annie 18 agosto 2010
  3. Simona 1 settembre 2010
  4. queen 2 settembre 2010

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *