Come aumentare i guadagni Adsense col paid to write? La scelta dell’argomento


Nel post precedente – Come aumentare i guadagni Adsense col paid to write? Un’introduzione – abbiamo visto l’importanza dei contenuti per guadagnare con Adsense. La sfida è scrivere articoli ricchi di informazioni utili e ben ottimizzati. Le fasi della scrittura si complicano. In questo post parliamo della scelta dell’argomento.

Quando pensiamo a un argomento per il nostro articolo paid to write, ci chiediamo più o meno queste cose:

    Quali sono i nostri interessi?

    Che cosa interessa ai nostri lettori?

    Ci sono annunci Adsense legati all’argomento?

    Quanto valgono gli annunci?

Immaginare una nicchia di mercato cui rivolgersi (persone con interessi e bisogni simili che cercano informazioni sul web) ci aiuterà a focalizzare questi aspetti e a scrivere articoli utili e ottimizzati per i motori di ricerca e per Adsense.

Se quando scriviamo pensiamo a quello che il lettore cerca, possiamo dare informazioni più mirate. Inoltre, più definita sarà la nicchia, più sarà facile per i motori di ricerca catalogare e posizionare i nostri articoli.

Come scegliere una nicchia? È importante partire dai nostri interessi. La passione per il nostro argomento ci farà scrivere articoli efficaci. Tuttavia i nostri interessi possono non coincidere con quelli dei lettori e degli inserzionisti Adsense. Può essere scoraggiante. Soprattutto per chi vuole più traffico sulle proprie pagine e ottenere qualche click. Dobbiamo trovare un punto di equilibrio.
images
Prendiamo 4 o 5 argomenti che ci interessano e cominciamo qualche ricerca usando gli strumenti di Google. Pensiamo alle parole chiavi (keyword) che definiscono meglio i nostri argomenti. Per ogni keyword facciamo una ricerca su Google. Notiamo in alto a destra quante pagine già si occupano del nostro argomento. Vediamo anche se ci sono annunci AdWords sulla destra della pagina.

Altri due Google tools possono aiutarci, sebbene studiati per AdWords. Con lo strumento per le parole chiave possiamo conoscere per ciascuna keyword il costo per click medio, il volume approssimativo di ricerche e la concorrenza tra inserzionisti. Con lo strumento per la stima di traffico possiamo farci anche un’idea del guadagno Adsense su specifiche keyword in determinate zone.

C’è anche Google Trends, un nuovo servizio disponibile solo in inglese. Inserendo una o più keyword, è possibile conoscere il volume di ricerca del termine selezionato e quante volte e come quell’argomento è stato coperto da articoli e news.

Con questi strumenti possiamo farci un’idea dell’argomento più profittevole. Possiamo farci soltanto un’idea però. Trovare nicchie di mercato remunerative è difficile. Nessuna ricerca può indicarci con certezza l’argomento che ci farà guadagnare di più con Adsense.

Questo significa che non dobbiamo perdere tempo con il costo per click, i volumi di ricerca, gli inserzionisti, la concorrenza? No. Questi sono strumenti preziosi che dobbiamo imparare a usare. Dobbiamo solo considerare che forse il mercato perfetto non esiste.

Possiamo allora occupare quante più nicchie di mercato possibili. Dieci o venti argomenti su cui scrivere articoli ricchi di informazioni e ben ottimizzati. Diversifichiamo i nostri interessi. Scomponiamo i nostri argomenti in sotto argomenti specifici. Sarà più faticoso, ma la pratica ci indicherà la nicchia più adatta.

Una volta scelti gli argomenti, iniziamo le nostre ricerche. Nei prossimi post parleremo della ricerca dei contenuti e delle keyword…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *