Come prendersi cura della propria bici nel ciclismo

La bicicletta è un mezzo meccanico che ha bisogno di molta cura per riuscire a rendere al massimo. Fare ciclismo, pertanto, non si ferma all’andare in bicicletta e farsi la propria pedalata quotidiana, ma anche nella manutenzione della bicicletta.

La propria bici va pulita e lubrificata quasi quotidianamente e prima di ogni viaggio. Cosa controllare in tali casi?

Controlli da fare prima di un viaggio

Soprattutto in caso di viaggi lunghi o impegnativi, è molto importante fare dei controlli accurati per evitare brutte sorprese e di venire abbandonati dalla propria bicicletta nei momenti meno opportuni.

Sotto il punto di vista del telaio, bisogna controllare ogni saldatura per verificare che sia tutto in ordine, verificare la presenza di eventuali crepe nella zona delle forcelle. Bisogna poi controllare con attenzione i cavi, le loro guaine e controllare che non ci siano eventuali impedimenti per il loro scorrimento.

Per quanto riguarda le ruote, molto importante è verificare la presenza di eventuali tagli o buchi sui copertoni e sui cerchioni, la centratura dei raggi e verificare che siano ben tesi e non rotti o spezzati. Inoltre, è importante controllare la pressione, che le ruote non siano troppo gonfie o sgonfie.

Bisogna, poi, andare ad effettuare dei controlli sui cuscinetti a sfera, andando a controllare il gioco che non si inceppi e la stretta dei dadi.

Molto importante è anche verificare il funzionamento dei freni, regolandone la stretta e verificando le viti di fissaggio. Controllate poi che sia buona l’aderenza dei pattini dei freni ai cerchioni e la loro convergenza. A questo punto provate a girare le ruote a vuoto e sentite il rumore che fanno: deve essere uniforme e senza intoppi.

Bisogna poi controllare la catena, facendola scorrere all’indietro e verificando che tutte le maglie siano apposto. Bisogna in questo caso procedere sempre alla lubrificazione. Per quanto poi concerne pedivelle e sella, controllate la stretta dei dadi e dei bulloni.

I controlli annuali

Dopo aver visto i controlli da effettuare quasi quotidianamente per la sicurezza dei viaggi più impegnativi che andate a fare sulla vostra bici, andiamo a vedere i controlli che devono essere effettuati con cadenza annuale.

Annualmente deve essere effettuata una manutenzione più approfondita, con una pulizia accurata di tutte le parti principali, provvedendo a sostituire le parti della bicicletta più usurate e andando a procedere con la corretta lubrificazione e ingrassamento di parti quali: pedali, telaio, movimento centrale, sterzo, catena, cavi.

Come effettuare questi controlli

Per effettuare questi controlli potete rivolgervi al vostro meccanico di fiducia, oppure affidarvi al fai da te. In quest’ultimo caso, ovviamente, l’attenzione e la cura che dovete rivolgere a tale operazione, deve essere attuata nei minimi dettagli, ma del resto, come dice il vecchio proverbio, chi fa da sé fa per tre!

Tra gli attrezzi necessari per chi vuol prendersi cura della propria bici, senza dubbio vi è il cavalletto per la manutenzione, il quale tiene sollevata e ferma la bicicletta permettendo così di effettuare più comodamente tutte le operazioni, senza doverle effettuare da terra.

Vi è poi la pompa, necessaria per poter gonfiare le ruote della bici, da comprare con apposito manometro per individuare la pressione raggiunta. Potrete facilmente individuare la massima pressione raggiungibile dai copertoni, poiché è scritta proprio su di essi.

Vi sono poi diversi tipi di chiavi che dovrete utilizzare: tra questi, la chiave dinamometrica, che serve per il serraggio di viti, dadini e di bulloni, vi sono poi le chiavi a cricchetto per le operazioni di vita e svita dei bulloni. Un altro strumento necessario è il centra ruote che serve a verificare proprio l’allineamento delle ruote stesse.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *