Concorso per diventare magistrato: calvario dei concorrenti

Si è concluso da poco l’ultimo concorso per 350 posti di magistrato ordinario che si è svolto a Roma il 7,8,e 9 Luglio. Le statistiche di questo concorso pubblico sono tra le più sconfortanti.

A fronte infatti di migliaia di iscritti che ad ogni bando vi sono, solo in pochi  consegnano le tre prove scritte alla fine dei giorni di concorso e peggio ancora solo un 9% di questi otterrà la sufficienza per poter effettuare la prova orale.

Oltre alla difficoltà quasi sovraumana consistente nel dover studiare circa 8000 pagine per la preparazione agli scritti nelle materie di diritto civile, penale e amministrativo e l’aggiornamento continuo richiesto sulle sentenze, si aggiunge la lunga attesa della correzione degli scritti.

I pochi eletti che arrivano agli orali non sono però ancora certi di aver raggiunto l’agognato obiettivo, la prova che verte su oltre 10 materie può infatti concludersi con un non idoneo.

Viene da domandarsi sarà un sistema davvero corretto?  Vista la mancanza strutturale di tali figure non si dovrebbero allargare un pò le maglie e far passare più persone? Vedremo gli esiti di quest’ultima maratona.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *