Contador: UCI e WADA all’attacco

Solo una settimana fa il campione spagnolo(vincitore di 3 Tour, 1Giro e 1 Vuelta) veniva assolto dalla federciclo spagnolo dall’accusa di doping mossa dai laboratori antidoping di analisi di Colonia, in Germania. Oggi la Wada e l’Uci annunciano battaglia contro il corridore madrileno.

Ma partiamo dell’inizio della vicenda. Secondo le accurate analisi dei medici preposti al controllo delle provette prelevate durante il Tuor de France del 2010, nel sangue di Contador sarebbero state ritrovate due diverse sostanze: il clenbuterolo e del materiale plastico.

Nel primo caso si tratta di un broncodilatatore con effetti anabolici che permette di aumentare la massa magra, ridurre il grasso corporeo e una funzione stimolante sul sistema cardiaco. Il materiale plastico, invece, è un residuo specifico dell’autoemotrasfusione, ossia la pratica di prelevarsi il sangue per poi rimetterlo in circolazione in un secondo momento allo scopo di velocizzare il trasporto dell’ossigeno da parte dei globuli rossi.

Si tratta di una pratica dopante che determina un aumento notevolissimo delle prestazioni. Ebbene a fronte di queste accuse, i difensori di Contador, hanno addotto scuse piuttosto fantasiose per giustificare tale presenza, come l’ingerimento di carne contaminata.

Tuttavia la federciclo spagnola (come abbiamo in precedenza accennato) ha accolto le memorie difensive e ha assolto il corridore spagnolo. Quindi la vicenda sembrava conclusa, ma la Wada(agenzia mondiale antidoping) ha appena annunciato un’azione congiunta con l’Uci(unione ciclistica internazionale) presso il Tas di Losanna contro l’assoluzione del campione spagnolo.

Le richieste sono chiare: conformare la posizione dello spagnolo a quella degli altri atleti già trovati dopati per le medesime sostanze  e infliggere contestualmente la pena di 2 anni di stop prevista a livello internazionale.

Intanto Contador, dopo 4 mesi di sospensione, è tornato a correre e si dice fiducioso sulla conclusione della vicenda. Il verdetto definitivo dovrebbe essere emesso in pochi mesi. Staremo a vedere come si evolverà la faccenda.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *