Cuba: Raul Castro apre compravendita di case al libero mercato

A Cuba il governo di Raul Castro ha aperto al libero mercato la compravendita degli immobili, che in precedenza avveniva tramite baratto o tramite mercato nero.

Dal 10 novembre i cittadini e i residenti permanenti di Cuba potranno vendere e acquistare proprietà immobiliari, interrompendo così la trasmissione di queste dai genitori ai figli, ma non saranno possibili le concentrazioni proprietarie.

Il decreto inoltre snellisce operazioni come le permute e le donazioni di case. Si tratta di uno dei provvedimenti decisi dal governo per riattivare l’economia cubana.

Il VI Congresso del Partito comunista cubano (Pcc) ha approvato un programma di riforme, che appaiono di carattere liberista, sebbene Raul Castro ha ribadito che esse servono a rafforzare il socialismo e non a tornare al capitalismo: apertura agli investimenti stranieri, drastici tagli alla spesa pubblica, decentralizzazione del potere, maggiore autonomia a regioni e province, riduzione del numero degli impiegati statali, revisione dei sussidi elargiti dallo Stato. Il problema è la piena attuazione di queste riforme.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *