Dalla Russia con orrore

Il fatto ha dell’orrido e sembra essere uscito direttamente dal copione di un film di Dario Argento. Siamo ad Alexandrov una cittá situata in un’isola all’estremo oriente della Russia.

In questo freddo luogo, pochi giorni fa, due giovanissimi di 12 e 13 anni hanno deciso di andare a trovare un uomo sulla soglia dei 60 anni, una vecchia conoscenza della cittá per la sua abitudine a consumare alcolici. Dopo aver bevuto qualche bicchiere insieme, sembra sia nato un diverbio tra gli adolescenti e l’uomo.

Sicuramente l’alcool avrá giocato la sua parte e il diverbio é culminato in una colluttazione, I due giovani hanno colpito l’uomo e in seguito, probabilmente con un oggetto contundente, hanno letteralmente aperto il torace della loro vittima, uccidendola e cominciando una sorta di vivisezione del corpo. Al cadavere veniva inoltre reciso un orecchio e forato un occhio.

I due assassini sono stati arrestati e incredibilmente subito riconsegnati alle loro famiglie, ma secondo la legge russa per essere accusato di un reato, bisogna avere almeno 14 anni. Sorprendente é la giustificazione che i due carnefici hanno dato alla polizia in seguito al delitto: “Volevamo vedere gli organi interni”.
Che dire? Una passione per l’anatomia “viscerale”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *