dieta, dimagrire, perdere peso e prova costume

Si avvicina l’estate e si cerca di prepararsi stringendo un po’ la cinghia ma spesso in maniera impropria. Tutti vorrebbero arrivare sotto l’ombrellone senza un filo di grasso o almeno contenendo un poco il peso ma se non si attuano le strategie giuste si può avere effetti opposti con le conseguenti ricadute emotive. Forse non é nemmeno indispensabile andare dal dietologo sempre che il proprio indice di massa corporea non sia superiore a 28 cioè non sia vicino all’obesità grave e in tal caso é consigliabile farsi seguire da uno specialista.

La prima cosa da fare, in ogni caso, é di calcolare il proprio indice di massa corporea che si determina dividendo il proprio peso diviso il quadrato della propria altezza. Poi bisogna fornirsi magari stampandole da internet di tabelle affidabile sulle kcal contenute negli alimenti cercando di avere quelle più vaste in modo da poter variare il più possibile. Un’altra cosa che si deve fare é trovare su internet il proprio metabolismo basale ovvero le calorie consumate dal corpo solo per le funzioni vitali come l’apparato cardiocircolatorio e la respirazione.

Questo valore varia con l’età riducendosi man mano che aumenta l’età. Questo comporta che é più difficile dimagrire a 50 anni rispetto che a 20. Forti di questi dati bisogna ancora sapere che una dieta equilibrata prevede l’assunzione almeno del 10% di grassi del 30 % di proteine e del 60% di carboidrati e che fare diete troppo veloci e estreme oltre a determinare una sensibile riduzione della massa muscolare e quindi potenzialmente dannose possono dare un effetto a molla che comporta di riprendere i chili persi appena la dieta finisce o peggio ancora di non riuscire a portare avanti la dieta. Quindi la dieta deve essere il più possibile graduale e non deve richiedere sforzi insostenibili e che possono compromettere la salute dell’individuo.

Ancora bisogna tenere presente le ripercussioni psicologiche delle restrizioni ed anche qui bisogna essere graduali e flessibili preventivando degli strappi alla regola una tantum. Lo srtess psicologico deve essere attentamente dosato e questo é fondamentale per la salute del soggetto e per la riuscita della dieta. Inutile dire che é indispensabile associare una corretta attività fisica anche qui graduale e non troppo stressante si inizi con delle lunghe passeggiate magari in compagnia e poi si continui con corsetta lenta e si facciano solo esercizi non estremi e stancanti ma lenti perché la cosa più importante é fare esercizi aerobici ben ossigenati perché è l‘ossigeno che brucia i grassi. L’esercizio ancora deve essere il più lungo possibile almeno di 45 minuti.

Per quanto concerne le kcal si inizi con 1800 kcal distribuiti su non meno di tre pasti al giorno e composti dalle cose più varie tenendo presente i valori delle tabelle degli alimenti disponibili on line e le proporzioni suddette. Per quanto riguarda i grassi è consigliabile eliminarli riservando il loro apporto solo a 2 cucchiaini di olio extravergine di oliva mentre per le proteine si può arrivare anche a 40/50 % a scapito dei carboidrati in modo da mantenere quanto più possibile la massa muscolare. I carboidrati devono essere attentamente pesati in modo da mantenersi nelle dosi previste e non fidarsi di porzioni imprecise come una fetta di pane o un piatto di pasta. Bisogna ricordare inoltre che le calorie della pasta si riferiscono alla pasta sola senza condimenti che vanno stimati a parte.

Si parta quindi con 1800 kcal scendendo di 150 kcal a settimana fermandosi a 1500 kcal o al più a 1350 kcal non oltre continuare con l’attività fisica aerobica e magari una stile di vita più attivo fino al risultato desiderato e poi tornare sempre progressivamente aggiungendo 150 kcal a settimana 1800 kcal e per almeno altri sei mesi un anno accertarsi di non sforare questa quantità troppe volte o di tanto. La stima di 1800 kcal è per i maschi per le donne vanno bene 1700 kcal ma il meccanismo é lo stesso.

Per quanto concerne le donne ma spesso anche gli uomini é fondamentale sempre prima di intraprendere una dieta mettersi al corrente della problematiche connesse con l’anoressia nervosa e tenere costantemente sotto controllo l’indice di massa corporea ma soprattutto la percentuale di grasso del proprio organismo che non deve per una donna scendere mai sotto 21%. Questo parametro si ottiene facilmente con le moderne bilancie a impedenza.

Per quanto riguarda le bibite gassate se si é abituati ad assumerle bisogna dapprima passare alle varianti dietiche con aspartame e poi abolirle almeno fino al raggiungimento del peso desiderato. Non utilizzare mai terapie per dimagrire, pillole per dimagrire e altri artifici senza la prescrizione medica. Ricordate che l’obbiettivo deve essere un indice di massa corporea intorno a 22 per l’uomo e 20 per la donna. Ma l’obiettivo vero e più importante deve essere sempre un’armonia del proprio corpo con quella della mente e per quanto riguarda la dieta bisogna perdere peso ma anche non riprenderlo più.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *