Economia semplificata: il prezzo del Big Mac

bigmac2Uno degli indici economici più curiosi creato negli ultimi anni è “l’indice Big Mac”. L’indice creato dalla prestigiosa rivista Economist nel 1986 è ancora oggi ampiamente utilizzato ed è pubblicato con cadenza annuale .

Ma in cosa consiste questo indice e che cosa misura ?  L’indice serve a comparare il potere di acquisto di una valuta rispetto all’altra assumendo come riferimento un paniere di beni mondialmente significativo . E cosa c’è di più internazionale e più uniforme del Big Mac ? Forse solo la Coca Cola e anche  questa è stata fatta oggetto di studio economico .

La teoria dice che i rapporti di cambio tra le valute dovrebbero aggiustarsi automaticamente affinche un medesimo insieme o paniere di beni abbia lo stesso costo nelle due valute . Se ciò non accade significa che una delle due valute è sopravalutata rispetto all’altra .

Per applicare questo concetto a livello planetario abbiamo bisogno innanzitutto di un paniere di beni che sia omogeneo in tutto il mondo . Ecco perchè è stato scelto il Big Mac , perchè il famoso panino è fatto con i medesimi ingredienti nel mondo intero ed i prezzi di acquisto dei singoli prodotti sono negoziati .

Naturalmente l’indice non è esente da imperfezioni perchè non tiene conto di alcune variabili come ad esempio i gusti  di un paese rispetto all’altro , la concorrenza , ecc . Tutti questi fattori possono influenzare il consumo e quindi agire indirettamente sul prezzo di vendita .

In basso è riportata la tabella aggiornata al Febbraio 2009 con il valore dell’indice per i principali paesi del mondo . Come al solito manca l’Italia ma ci sono diversi paesi europei . La colonna ultima a destra riporta un numero alcune volte positivo ed altre volte negativo che ingica se la valuta del paese considerato è sopravalutata ( +) o sottovalutata ( – ) rispetto al dollaro .

big-macc

Come si vede mangiare un hamburgher in Norvegia risulta estremamente più caro che , ad esempio , in Thailandia . Se quindi cerchiamo un paese pove passare le vacanze spendendo poco il Big Max Index può aiutare nella scelta .


No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *