Eternit cancerogeno, ma non per tutti

Al maxiprocesso di Torino contro la Eternit, Francois Iselin, gia’ architetto del Politecnico di Losanna che per decenni si e’ occupato di questioni relative all’amianto ha affermato che ”Sin dal 1962 era universalmente noto che l’amianto causava il cancro. Bisognava abbandonarlo. Ma la Eternit fino al 1990 lo ha utilizzato due volte piu’ di prima”

Qualche settimana fa , anno 2010,  mi trovavo in Calabria a casa dei miei genitori.

La realizzazione di alcuni lavori è stata l’occasione di conoscere un imprenditore che da decenni opera nel settore edile: il discorso è scivolato sull’Eternit: con la massima naturalezza possibile egli ha affermato che, da  sempre, le lastre di Eternit le ha rotte riducendole in polvere e, mischiandole al cemento e ad altri prodotti, le ha al fine di utilizzate per la normale attività edilizia, sostenendo che le voci della pericolosità dell’Eternit sia espressione di strategie per lucrare attraverso le costose modalità di smaltimento di quel materiale previste dalla legge.

Molti sono stati i pensieri che hanno affollato la mia mente, in particolare che la incredibile crescita di malati di tumore in Calabria può essere provocata anche dalla noncuranza criminale di gente, la quale al fine non avere seccature e esborsi di denaro, non esita a costruire le case della gente con materiale che provoca il cancro.

Incredibile, ma drammaticamente vero!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *