Finta terremotata a Forum pagata per lodare il Governo

Che le storie di “Forum” fossero vere al cento per cento in pochi ci credevano. Il programma di Rita Dalla Chiesa infatti spesso paga degli attori per recitare delle parti e far finta di litigare tra di loro.

L’ultima trovata degli autori del programma però è stata abbastanza di cattivo gusto. La 50 enne abruzzese Marina Villa, nella puntata andata in onde venerdi si è lasciata andare a dichiarazioni entusiastiche sulla ricostruzione della sua città (L’Aquila) dopo il violento terremoto del 2009.

Nel corso della trasmissione che la vedeva opposta al suo “marito” Gualtiero la signora ha tenuto a dichiarare di essere “una terremotata aquilana”, sottolineando la sua gratitudine al governo Berlusconi.

“Vorrei ringraziare il Presidente ed il Governo perchè non ci hanno fatto mancare nulla. Tutti lavorano, le attività stanno riaprendo. Tutti hanno le case con i giardini e i garage. Chi si lamenta lo fa solo perchè vuole vivere a spese dello Stato”. Queste in sintesi le dichiarazioni della figurante di Forum.

Peccato però che la storia sia risultata tutta una bufala, in quanto la signora non è dell’Aquila, bensi a Popoli nella casa che condivide con il suo vero marito e col terremoto ha avuto poco o nulla a che fare. Dopo alcune polemiche scoppiate in seguito alla sua partecipazione al programma Marina Villa ha dichiarato di essere stata pagata dagli autori per tessere le lodi al premier e al suo operato.

Gli autori hanno pensato bene di cogliere la palla al balzo non appena venuti a conoscenza del fatto che la Villa fosse abruzzese e le hanno affiancato un altro conterraneo, in modo da rendere più credibile la storia. La Villa si è cosi attenuta al copione prestabilito, con la preziosa collaborazione di Rita Dalla Chiesa che ha tenuto a ricordare i meriti di Bertolaso.

Lei terremotata non lo è mai stata, ma per 300 euro lo è diventata. A lei 15 minuti di gloria e un po’ di soldi, al governo tanta pubblicità.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *