Fotovoltaico: più sicuro e meno costoso del nucleare

Lo rivela lo studio americano ” Solar and Nuclear Costs-The Historic crossover“. Jhon O. Blackburn, docente di economia e autore della ricerca, sottolinea come il 2010 sia l’anno del sorpasso dell’energia solare rispetto al nucleare.

Il lavoro di ricerca svolto prende in considerazione i costi e i problemi relativi all’inquinamento. Fino a qualche anna fa infatti, pur se meno inquinante, la problematica principale del fotovoltaico era relativa ai costi di produzione, poco competitivi rispetto a quelli dell’energia nucleare.

Oggi la costante ricerca e i miglioramenti hanno portato ad una inversione di tendenza: mentre i costi per la costruzione di centrali nucleari raddoppiano ed in alcuni casi triplicano, pesando inoltre sui contribuenti poichè le compagnie che investono nel nucleare pretendono incentivi e sussidi statali.

I costi dell’energia solare sono scesi notevolmente portando il prezzo di un Kwh a 16 centesimi di dollaro ( negli States ), prezzo che secondo Mark Cooper, analista del settore per l’Institute for Energy and Environment della Vermont Law School è destinato a scendere fino a 6 centesimi di dollaro.

Rimane poi il grande scoglio rappresentato dalle scorie nucleari, che mantengono radioattive ed altamente inquinanti per migliaia di anni. Lo smaltimento degli impianti fotovoltaici è di gran lunga più veloce ed economico.

Nonostante questi sviluppi nel settore energetico le linee politiche dei principali governi europei, ed occidentali in genere sembrano muoversi verso una fiorente rinascita delle centrali nucleari. Toccherà alla comunità scientifica farsi sentire, dai governi e dalla popolazione mondiale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *