Fukushima: rischio esplosione in centrale

La Tepco ha minimizzato una catastrofe cercando di riuscire a recuperare il controllo della centrale, ha irradiato i suoi tecnici con radiazioni 100 mila volte la norma e tuttora sembra che non dica la verita’.

Greenpeace parla di radioattivita’ di livello 7, la stessa che aveva Cernobyl quando e’ scoppiata la centrale,secondo le analisi degli attivisti nell’acqua del mare e’ comparso lo iodio-134 in quantita’ impressionanti, la stessa analisi fatta dall’ agenzia per la sicurezza nucleare giapponese, ha dato gli stessi risultati,il che vuol dire che l’acqua e’ entrata in contatto col nocciolo.

Causa le altissime radiazioni i tecnici,che avrebbero dovuto tentare di abbassare la pressione del reattore,sono stati fatti evacuare in maniera repentina e quindi la centrale in questo momento e’ destinata ad esplodere,il problema e’ che Fukushima e’ una centrale ad alto potenziale, all’interno della centrale c’e’ materiale radioattivo sei volte rispetto a Cernobyl ed in piu uno dei sei reattori e’ a plutonio.

Inutile dire che se dovesse esplodere,il potenziale distruttivo sarebbe immenso,sarebbe un ecatombe e si spargerebbero radiazioni tali da contaminare le risorse alimentari dell’intero pianeta, nella speranza che questo non accada possiamo solo iniziare a buttare le basi per chiudere le centrali nucleari dell’intero pianeta, anche perche’ e’ ormai una risorsa obsoleta e, come stiamo vedendo di questi tempi, molto pericolosa.

One Response

  1. alessio di benedetto 28 marzo 2011

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *