Furti inverosimili ai cadaveri nel cimitero di Genova

Episodio alquanto lugubre, accaduto nel cimitero di Staglieno in provincia di Genova.

Si sono verificati furti anomali ed inverosimili su i cadaveri nel deposito. Le salme presentavano l’assenza delle protesi e delle dentiere e sono state vendute sicuramente a nero da sciacalli dei camposanti.

Il secolo XIX rende noto un esposto alla magistratura anonimo, bene definito e documentato di foto, e che illustra i presunti furti di dentiere in oro e protesi in acciaio, titanio e altre leghe molto costose, commessi puntualmente ogni vlta che avvenivano le riaperture delle tombe per l’ispezione consueta che avviene ogni 20 anni, ed il consecutivo trasferimento negli ossari.

Sono almeno 7 i coinvolti in questa inchiesta senza precedenti, accusati anche di rivendere l’alluminio posto dentro le bare per la rivendita al mercato nero.

L’inchiesta viene portata avanti dal procuratore aggiunto Vincenzo Scolastico e affidata al sostituto procuratore Vittorio Ranieri Miniati, condotta dai carabinieri del comando provinciale del capoluogo ligure.

Un episodio macabro e che lascia davvero pensare su come non ci sia più rispetto di nulla oggi davanti al lucro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *