Gelmini: la ministra che venne espulsa

La notizia all’epoca non interessò nessuno anche perchè il futuro ministro dell’Istruzione ancora non ricopriva questo ruolo. Ma adesso, a distanza di anni, forse è il caso di ricordarci i trascorsi di chi ci rappresenta.

E così veniamo a sapere che nel marzo dell’anno 2000, l’allora presidentessa del consiglio comunale di Desenzano sul Garda, eletta nelle file di Forza Italia, fu espulsa da quella carica.

E fin qui potremmo pensare che ci furono delle ragioni partitiche. Ma udite udite: venne espulsa  su mozione del suo stesso partito, con la seguente motivazione [Delibera del consiglio comunale n. 33 del 31/03/2000]: “manifesta incapacità ed improduttività politica ed organizzativa.”

Quello che accadde dopo è storia: Berlusconi la scoprì e la fece diventare  Ministro dell’Istruzione e della Ricerca della Repubblica Italiana.Per chi fosse dubbioso della notizia è sufficiente collegarsi al sito del comune in questione e fare una ricerca della sopracitata delibera.

Questa notizia, nella tragicomicità contiene comunque, un duplice messaggio: c’è speranza per tutti è il primo. E il secondo, per esperienza della stessa ministra, “l’istruzione non conta per fare strada”!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *