Generale Petraeus: pubbliche scuse per uccisione 9 bimbi

“Sono profondamente dispiaciuto per l’erronea uccisione di nove bambini di età compresa tra gli otto e i quindici anni.

Essi sono stati scambiati per insorti e quindi presi di mira, nella provincia di Kunar, durante un’operazione militare aerea”.

Queste le spiegazioni del capo delle truppe americane in Afghanistan, il generale Petraeus che si è prontamente scusato con il governo afghano, con le famiglie e la popolazione, addebbitando interamente la responsabilità dell’accaduto alla Forza Internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf).

Cresce, a causa del numero elevato di uccisione di civili, la tensione tra il governo del presidente afghano, Karzai e gli Stati Uniti, tanto che i parlamentari afghani hanno chiesto al generale Petreaus di rendere conto in Aula di  tale  situazione.

Il comandante, nel frattempo ha ordinato di istruire ulteriormente i propri militari nelle operazioni antiterrorismo, al fine di evitare altri spiacevoli “incidenti” che potrebbero provocare, in caso di nuovi massacri tra civili,  una dura reazione e “pesanti problemi” così come enunciato da Karzai.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *