Giappone: a rischio un’altra centrale nucleare

E’ di 4 morti e di oltre 100 feriti il bilancio del nuovo potente sisma di magnitudo 7.4 della scala Richtel, registrato ieri nel Nord Est del Giappone.

A dare la notizia è stata l’emittente pubblica NHK.

In un primo momento era scattato un’ allarme tsunami, che ha creato il panico con molta gente in fuga verso le montagne.

L’epicentro si trova nella prefettura di Miyagi, la stessa che ha subito il terremoto e lo tsunami dell’ 11 marzo. Anche a Tokio e in molte altre città gli edifici hanno tremato.

C’è apprensione per quanto è successo nella centrale nucleare di  Onagawa. La centrale è stata disattivata dopo il sisma dello scorso mese, ma ,con la nuova scossa, la TEPCO ha reso noto di aver rilevato 8 o 9 fuoriuscite d’acqua, tutte legate alle vasche di raffreddamento del combustibile spento dei reattori numero 1 e 2. Sempre secondo la TEPCO all’esterno della struttura non ci sono stati aumenti del ilvello delle radiazioni.

Intanto continua ad essere alto il livello d’allarme a Fukushima, i tecnici della TEPCO, dopo aver tappato una falla nel reattore 2, hanno iniziato le iniezioni di azoto nel reattore 1. Questa operazione dovrebbe servire ad evitare possibili esplosioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *