Giochi di morte nelle Baleari

pronto soccorsoMaiorca, Ibiza e diversi centri delle Baleari hanno un afflusso turistico enorme durante il periodo estivo, è risaputo. Di conseguenza anche le strutture sanitarie finiscono, inevitabilmente, per essere sottoposte a lavoro intenso durante la stagione estiva.

Da qualche tempo però nei pronto soccorso dei vari ospedali non si spiegavano il numero di fratture, slogature e a volte anche casi più gravi dovute a cadute accidentali. Senza contare che in poche settimane si era registrati anche dei decessi per cause simili.

Gli episodi inoltre non riguardavano tanto i locali, quanto piuttosto turisti prettamente di nazionalità nord europea: belgi, inglesi, olandesi, tedeschi, svedesi, irlandesi. Dopo una indagine delle locali forze dell’ordine è venuta infine fuori la verità: nelle isola turistiche spagnole  è divenuto di moda il  “balconing”.

Di cosa si tratta. Questi turisti dopo una notte di bagordi, completamente ebbri di alcool e forse di qualche droga, invece di andare a dormire nelle rispettive stanze degli alberghi, si lanciano dai balconi degli stessi. Sembra assurdo ma è così. Ovviamente, vuoi per le facoltà sensoriali alterate dall’alcool, vuoi per la difficoltà dell’impresa, le conseguenze sono spesso catastrofiche.

E sui media iberici c’è grande attenzione e grandi polemiche, perché pare che questa assurda e autolesionistica consuetudine si sia diffusa già da qualche anno, solo che è venuta solo alla ribalta questa estate. I proprietari degli alberghi sono stati invitati dalle autorità a segnalare gruppi di turisti sospetti che possano cedere alla pratica del balconing durante la notte.

Come se non bastasse ci sono altri problemi da considerare: potrebbe essere necessario riaprire i fascicoli di molti “incidenti mortali” avvenuti negli ultimi anni per verificare se si sia trattato di semplici fatalità, oppure conseguenze del balconing.

Il problema è che una forma di qualunque repressione potrebbe avere effetti deleteri sul turismo locale, che è senza dubbio la fonte principale dell’economia delle isole.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *