Giovani voyeur denunciati : filmavano minorenni negli spogliatoi di una palestra

“Sono solo dei ragazzi” verrebbe da dire “hanno fatto solo una grande stupidaggine”. Bisognerebbe, però, domandare ad ognuna di quelle ragazze (tra l’altro minorenni) che giocano tutte in una squadra di pallacanestro giovanile di Livorno, se sono d’accordo con questa opinione.
La denuncia è partita dai genitori di queste adolescenti, dopo aver scoperto che alcuni coetanei hanno filmato, con i loro sofisticati cellulari, le loro figlie mentre si trovavano negli spogliatoi della palestra al termine dell’allenamento. La ripresa, (o meglio le riprese perchè esiste più di un video), sono state effettuate da una finestra che dà sullo spogliatoio; in tutto, tre filmati della durata totale di circa 5 minuti, che mostrano alcune delle giovani atlete mentre fanno la doccia.

Una situazione assolutamente normale che si ripete in migliaia di palestre in tutta Italia e che, in questo caso, si è trasformato in un gioco idiota e ignobile. “Le nostre figlie” ha dichiarato una delle mamme “si sono sentite moralmente violentate. Ci siamo arrabbiati, ma non vorrei neppure essere al posto di quel genitore che, prima leggerà il giornale, indignandosi per quanto accaduto, per poi ricevere la chiamata della polizia postale.”

Sì, perchè sarà principalmente la polizia postale ad occuparsi del caso, perchè i video, non solo sono stati “passati” sui cellulari di amici e conoscenti, ma anche “postati” su alcuni canali “specifici” del Web: di qua ne deriva la gravità del fatto che diviene reato per diffusione di immagini che violano la privacy (eccome se la violano, aggiungeremmo) di una persona, per di più minorenne.

Ci sarebbe tanto da riflettere su quella che oggi viene chiamata “violenza moderna” che si diffonde sempre più tra i giovani e che spesso si giustifica con frasi assolutorie del tipo “non sanno quello che fanno”; attenzione, perchè così facendo ognuno di noi sottovaluta l’arma che i giovani stanno usando a loro piacimento anche per fare del male agli altri : i cellulari.

 Non vogliamo demonizzare l’uso dei telefonini, per carità : ricordiamoci, però, per fare solo un esempio, che un coltello si usa solitamente per tagliare una soffice torta o affettare le verdure o sbucciare un frutto; ma lo stesso coltello può anche essere usato per ferire o addirittura uccidere una persona.

 Il cellulare è, per certi versi, come il coltello : utile, utilissimo se impiegato nel modo dovuto, devastante se usato in maniera perversa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *