Google cambia logotipo per l’anniversario di Hans Christian Andersen

Oggi, nel 1805, nasceva Hans Christian Andersen, in una piccola isola della Danimarca

La principessa sul pisello, la sirenetta, il brutto anatroccolo sono titoli di favole che tutti conoscono, perche’ sono immortali ed eterne nei concetti, nella poesia che esse esprimono. A maggior ragione all’immortalita’ e’ stato consegnato il loro autore, appunto, Hans Christian Andersen,

Ancora una volta a ricordare la ricorrenza e’ stato Google, il quale ha sostituito, il suo logotipi, con altri, ispirati alle favole di Andersen, e visibili, cliccandoci sopra.

Andersen da due secoli allieta la cerscita di intere generazioni di bambini in tutte le latitudini, segno che la sua opera geniale ha saputo ragfgiungere un linguaggio universale capace di fare presa su tutti.

La favola che puo’ considerarsi la summa del suo pensiero e’ certamente, il brutto anatroccolo, nella quale il piccolo cigno non viene riconsociuto e viene deriso e maltrattato dagli altri animali. Alla fine pero’ la fora della verita’ prevale e lui ottiene il posto che gli spetta. Andersen, prima di pubblicare una favola, usava leggerla ad un piccolo numero di bambini, poiche’ era interessatro a studiarne le reazioni e i commenti.

L’opera di Andersen, per quanto composta essenzialmente da favole, non e’ limitata ai bambini, ma offre ottimi spunti agli adulti. Ad esempio, sempre restando al brutto anatroccolo, in essa si enunciano verita’ fondamentali e immutabili, che possono servire come utili regole di vita per l’uomo.“Che importa se siamo nati in un pollaio , quando siamo usciti da un uovo di cigno, e “un cuore buono non diventa mai superbo” sono frasi estrapolate da quella favola, per cui non bisogna mai giudicare dalle apparenze e non occorre mai cedere alle lusinghe della superbia e della presunzione, chi oserebbe dire che queste frasi non valgono nell’attuale nostra epoca, guastata proprio per il fatto che la massa delle persone e’ diventata presuntuosa e, portata, ad agire avventatamente dopo essersi fatta un rapido e sommario giudizio sulle cose e sulle persone?

Hans Christian Andersen e’ un Grande della storia dell’Umanita’. Un sentito grazie a Google per avercelo ricordato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *