Grande Fratello 10: gaffe sulla mafia di Massimo Scattarella

Massimo Scattarella sta diventando l’ “oggetto misterioso” di questa edizione del Grande Fratello.

Dentro la casa sembrava un personaggio saggio, un “guru”, punto di riferimento per molti inquilini della casa piu’ famosa d’Italia e, autorevolmente, si candidava come possi bile vincitore del “reality”.

Fuori della casa sembra un “ingenuo”, il quale non si rende pienamente conto di quello che gli sta succedendo e si rende protagonista di una serie impressionante di gaffes, le quali hanno minato la sua immagine vincente, che si era costruita fino a questo momento.

Calpestato nella sua dignita’ di uomo da Veronica lunedi scorso, la quale, ignorandolo,  scelse di vedere Sarah, il body-guard barese deve, adesso, fronteggiare l’indignazione provocata da cio’ che ha raccontato all’interno del Grande Fratello edizione spagnola, nei giorni in cui e’ statao ospite al suo interno.

E’ capitato che Massimo Scatarella si sia lanciato in una magnificazione della mafia, considerata organizzazzione costituita da persone vincenti, le quali possiedono tutto in Italia: case, denaro potere.

In particolare ha affermato “La mafia italiana? E’ una famiglia, ha cuore. sono persone intelligenti”. Una vera e propria manifestazione di ammirazione.

Cio’ sta provocando l’indignazione di tante persone, le quali criticano gli spazi mediatici offerti ad un personaggio, il quale trasmette disvalori se si mette a esalatare le doti di una organizzazione criminale causa di lutti ed infinito dolore.

Questa vicenda per un mese e’ stata avvolta da una sorta d’oblio.Improvvisamentre e’ deflagrata con tutto il suo seguito di polemiche, critiche, chiacchiere.

Il povero Massimo Scattarella non ne esce per niente bene, forse la sua vera natura e’ quella dell’”ingenuo” e quindi all’interno della casa, probabilmente, stava solo recitando.

In ogni caso il suo “appeal” mediatico sta scemando rapidamente e il pericolo che sprofondi nell’oblio non sembra tanto lontano.

3 Comments

  1. Francesca 13 febbraio 2010
  2. laura 13 febbraio 2010
  3. cinzia 13 febbraio 2010

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *