Grande Fratello e Amici: audience e diseducazione

La tv ormai fà da balia ai nostri figli, ma purtroppo anche a noi. Oggi infatti l’educazione civica, ma anche quella intellettuale si acquisisce dalla scatola delle immaggini(ormai un piatto) e tutto quello che passa, diventa moda, tutto quello che si dice si ripete, tutti i comportamenti diventano molto spesso usuali, anche se c’è ne accorgiamo di rado, o facciamo finta di non accorgerci.

Il Grande Fratello ad esempio, tutti gli anni assistiamo, ai soliti litigi, alle solite meschinità, ai soliti passaggi di letto e alle esibizioni delle maggiorate e non, per procurarsi qualche voto, e se magari l’anno prima ci sono stati meno ascolti allora si deve esagerare l’anno dopo. L’audience è altissima, la gente ci guarda, la pubblicità paga…altro non può interessare, dei messaggi e degli esempi che si mandano non interessa.

Amici invece, potrebbe anche andar bene, se non fosse per quei ragazzi che si mandano al macello(mediatico) e sono sottoposti a quegli orribili giudizi, dopo esibizione, con quegli odiosi litigi con gli insegnanti, come se da loro si aspettassero chissà che, e anche quì il messaggio che si manda a mio avviso è quello, che se non si vince non si è nessuno, per questo oggi c’è molto razzismo sociale su tutto, ovvero una persona, non viene valorizzata, pur essendosi impegnata, e si viene scelto sempre quello con il surplus in tutto, chiudendo le porte, a chi magari ha comuque delle doti.

Ma a parte questo, nel programma passa anche il messaggio delle contrapposizioni ovvero alle critiche, se pur dure, a volte i ragazzi rispondono male, e questa è un altra strategia, del programma, siccome lo guardano gli addolescenti, gli addolescenti sono ribelli…Geniale!

Sicuramente la televisione non dev’essere bigotta e puritana al massimo, ma siccome svolge un servizio pubblico, chi controlla(non chi la fà) dovrebbe regolamentare di più, non relegando i programmi educativi nelle ore notturne, ma alternandoli con i reality ad esempio, che comunque devono passare dei messaggi più educativi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *