Green Hill, il mattatoio di Montichiari

L’allevamento Green Hill di Montichiari (BS), il canile ormai tristemente famoso che ospita oltre 2.500 cani beagle destinati alla vivisezione, diventa il nuovo simbolo internazionale della lotta ai maltrattamenti sugli animali.

Numerosi animalisti arrivati da ogni parte d’Italia, sabato 22 maggio, hanno manifestato davanti alle porte del canile per ribadire un forte “NO” al progetto di ampliamento dello stabilimento nel quale vengono allevate “le cavie“. I manifestanti hanno presidiato ad oltranza la collina che ospita il canile, per tentare di fermare il terribile commercio di beagle destinati ad una morte atroce.

La campagna di sensibilizzazione, unita alla manifestazione, hanno dato i loro primi frutti: l’aeroporto di Verona Catullo – usato dai laboratori di ricerca Green Hill per inviare le cavie ai loro clienti in tutto il mondo – si è impegnato affinchè, nè dallo scalo Verona Catullo, nè da quello di Montichiari, possano più decollare aerei carichi di cuccioli-cavia.

Gli almeno 2500 contestatori, arrivati sul luogo, hanno trovato un gruppo di carabinieri già allertati in difesa della struttura: alcuni animalisti sono penetrati all’interno della cinta muraria per tentare la strada della liberazione degli animali intrappolati con un atto di forza, ma sono stati tempestivamente respinti dagli agenti del personale di sicurezza dell’azienda con l’aito dei carabinieri.

Il sindaco di Montichiari Elena Zanola ribadisce che non saranno concessi i permessi comunali per l’allargamento della struttura detentiva dei cuccioli: «L’area è sottoposta a un rigido vincolo urbanistico – evidenzia la prima cittadina di Montichiari – che non potrà essere rimosso o aggirato finchè resteremo alla guida del paese».

Il Comitato antivivisezione italiano, dal canto suo, auspica almeno una riconversione dell’azienda-mattatoio Green Hill: è per questo che il movimento animalista non diminuirà l’intensità della protesta, sono infatti state annunciate altre iniziative di protesta, fra le quali un nuovo sit-in per il mese di giugno.

Divulgate l’informazione quanto più possibile, teniamo alta l’attenzione: inviate, se volete una lettera di protesta per far sentire la vostra voce a:

Green Hill 2001 Srl
Via San Zeno
25018 Montichiari (BS) (Lombardia)
030 962061
030 9961244

Emiliano Tarquini

2 Comments

  1. Sam 3 ottobre 2010
  2. Alessia Mura 27 febbraio 2011

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *