Hooligans Serbi: la giustizia italiana

Un bellissimo messaggio è stato inviato in questi giorni dal tribunale di Genova a tutti i delinquenti nel mondo.

Con una sentenza che lascia davvero allibiti, viene praticamente comunicato a loro che venire in Italia, tenere in ostaggio il pubblico, aggredire le forze d’ordine, devastare uno stadio ed interrompere una partita internazionale di calcio non comporta nessun rischio.

Di cosa si tratta? Si tratta di quattro degli otto Hooligans Serbi arrestati e poi processati per resistenza al pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e violazione delle norme di ordine pubblico durante l’incontro di calcio tra l’Italia e Serbia del 12. ottobre dell’anno scorso.

I quattro bravi ragazzi Serbi infatti, dopo un breve processo penale sono stati condannati ad un anno e dieci mesi di reclusione. Una somministrazione della giustizia veloce, giusta ed efficace che tra l’altro doveva servire come deterrente per chi vuole commettere in futuro reati simili. Peccato però, che i teppisti in galera non ci andranno proprio.

La loro pena è stata commutata in un decreto di espulsione dall’Italia per un periodo di 5 anni. Si, avete capito bene! Invece di 22 mesi di carcere gli Hooligans si sono visti recapitare un foglio di carta che li invita gentilmente di andarsene a caso loro. Incredibile, ma vero!

Restano intanto nel carcere “Pontedecimo” di Genova altri quattro “turisti” Serbi, tra cui il famoso Ivan “il terribile”, aspettando il loro turno davanti al giudice. Il processo potrebbe essere celebrato in marzo o aprile. C’e da scommettere che gli daranno vent’anni di galera…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *