Il diavolo della Tasmania in vacanza a Sidney?

SABBIA

Sembrava di stare su Marte e invece eravamo a Sidney ! Che il nuovissimo continente potesse anche solo lontanamente assomigliare al ben noto pianeta rosso , questo lo si era dimenticato ormai da sessant’anni a questa parte !

L’ultima tempesta di sabbia , infatti , si era registrata nell’entroterra australiano intorno al 1940 . Da allora , il cielo non ha mai più -”sanguinato”- .  Mercoledì 23 Settembre , invece , la cittadina di Sidney ha aperto gli occhi su un’enorme nube rossastra che avrebbe invaso tutta la costa orientale dell’isola .

Milioni di tonnellate di polvere che sono state spinte dal vento a partire da una velocità di 65 km \ h fino a sfiorare i 100 km \h . Da dove è partito il diavoletto della Tasmania? Sembrerebbe sia stato originato dalle zone dell’entroterra , più precisamente dal deserto di Outback . E dove sarebbe diretto ?

Naturalmente verso la Tasmania  ed il Queensland ! Oggi , giovedì 24 settembre , avrebbe abbandonato soddisfatto Sidney . La situazione è stata precaria per tutta la cittadinanza . Le autorità sanitarie avrebbero vietato la libera uscita dal proprio domicilio a bambini ed anziani – la polvere rossastra sarebbe stata , infatti,molto pericolosa per le vie respiratorie – .

La poca visibilità arrecata dal fenomeno naturale ha , inoltre,causato enormi problemi ai collegamenti aerei e marittimi della città . I servizi traghetto sarebbero stati bloccati . La BBC ci informa che oltre 20 voli aerei di una delle più grandi compagnie aeree australiane – la Qantas – con destinazione Sidney sarebbero stati cancellati o dirottati verso le località di Melbourne e Brisbane .

Finalmente tutto è ritornato al suo posto ! Non dimentichiamo però i disastri a cui i cittadini dovranno rimediare ! Vestiario , automobili , negozi , uffici ,strade tutte invase dai resti dell’afflato marziano . Le autorità locali avrebbero,pertanto , abolito momentaneamente le restrizioni vigenti sull’utilizzo dell’acqua . Meno male , altrimenti i cittadini ,dalla rabbia,sarebbero diventati rossi !

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *