Il museo Gucci a Firenze: fashion e molto altro

Fashion, moda, design e storia: questo è quanto potete ammirare nel nuovo museo di Gucci inaugurato lo scorso 26 settembre a Firenze.

Gucci ha deciso di celebrare i primi novanta anni dalla sua fondazione inaugurando un museo a Firenze, in piazza della Signoria, più precisamente a Palazzo della Mercanzia, dove nel 1921 è nata la storica maison di moda.

Il museo, suddiviso su tre piani, ospita un’esposizione permanente dell’archivio Gucci, che parte dagli anni trenta fino ad arrivare ai vestiti indossati dalle star alle ultime apparizioni mondane. L’obiettivo del museo è far ripercorrere ai visitatori tutta la storia della maison fiorentina fino ai giorni nostri:i 1700 metri quadrati di esposizione si aprono al piano terreno con la sala Viaggio, dove si possono ammirare bauli valigie e altri accessori tutti dedicati al viaggio.

E’ proprio da questi articoli, infatti che nasce la storia di Gucci. Guccio Gucci, fondatore della maison, ispirò le sue prime collezioni agli articoli da viaggio che aveva visto lavorando come portiere allo storico Hotel Savoy di Londra.

Il museo è molto ben strutturato e offre molte sale ricche di interesse, comprese le varie opere di arte contemporanea, selezionate con il supporto della fondazione Pinault. A completare il percorso museale i visitatori possono visitare i negozi allestiti appositamente con articoli da regalo, tutti rigorosamente a marchio Gucci.

Al piano terreno è liberamente visitabile un bookstore (gestito in collaborazione con Rizzoli) e un caffè/ristorante, tutto contornato dallo straordinario stile Gucci.

Adesso qualche informazione per chi fosse interessato: il costo del biglietto d’ingresso è di sei Euro, dei quali la metà sarà devoluta al comune di Firenze per la tutela e il restauro del patrimonio artistico della città.

Insomma, un’idea, quella di Gucci che va ben oltre il solito business ma che guarda anche al futuro della città che ha fatto diventare grande la maison che oggi è uno dei brend italiani più conosciuti nel mondo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *