Il Napoli rialza la testa: a Parma finisce 3-1 per i partenopei

I partenopei vincono sull’ostico campo della squadra emiliana per 3-1 dimostrando entusiasmo e bel gioco e superando le difficoltà delle ultime uscite di campionato.

Al Tardini torna un grande Lavezzi e un ottimo Hamsik che sembrano aver ritrovato la verve dei tempi migliori. Ma è il  Parma ad andare i vantaggio con Palladino; il Napoli risponde con Hamsik, Lavezzi e Maggio. Con questa vittoria il Napoli si porta al terzo posto a quota 56 punti. Un punto meno dell’Inter e 6 meno del Milan.

Nel primo tempo parte forte il Parma che prova più volte ad impensierire De Sanctis. Il più attivo è Palladino che al pronti via e nell’arco di 3 minuti impegna due volte il portiere partenopeo. Il Napoli è imballato e sembra incapace di reagire; così alla mezz’ora Palladino punisce i partenopei con un fantastico destro al volo che non lascia scampo al portiere azzurro. Si chiude così la prima parte della gara con il Napoli che timidamente si prova a portare in avanti, ma senza molte idee.

Il secondo tempo è invece tutt’altra storia. I partenopei cominciano fortissimo e schiacciano il Parma. Lavezzi è attivissimo e dopo un’azione straripante sulla destra, bevendosi Galloppa, serve un pallone al bacio ad Hamsik che pareggia i conti. Sono passati appena sette minuti dall’inizio della ripresa. Tuttavia è da sottolineare la posizione irregolare dello slovacco al momento del passaggio di Lavezzi non rilevata dall’arbitro. Il Napoli continua e spingere sull’acceleratore.

Così dopo solo 4 minuti ancora Lavezzi servito da Hamsik, sfonda sulla destra e sigla il 2-1. La squadra gialloblu è stordita e non riesce a reagire. Passano pochi minuti e le cose peggiorano ancora; Galloppa è protagonista di una pessima entrata su Hamisk e viene espulso. Il Napoli ha così campo libero e riparte spesso in velocità.

Diverse sono le occasioni per i partenopei, soprattutto per Cavani che pecca però di imprecisione sotto porta. Tuttavia il Parma non sta a guardare e cerca insistentemente il pareggio, esponendosi così al contropiede napoletano. Così verso la fine del match, su un rimpallo fortunoso, Maggio anticipa la difesa gialloblu e sigla la reta del definitivo 3-1. La partita finisce praticamente qui.

Il Napoli sembra quindi essersi ripreso dalla pesante sconfitta patita contro il Milan. Al Tardini la squadra di Mazzarri dimostra un grande carattere ed un’ottima tenuta atletica. La classifica si accorcia nuovamente e i partenopei possono ricominciare a sognare in grande.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *