Il Prog Metal dei Dream Theater

Il rock progressivo non morirà mai ed è sempre presente, lo è sempre stato e pur essendo diventato musica di nicchia, cioè per pochi, c’è sempre in giro qualcuno che lo mantiene vivo ed ormai il prog metal è insinuato in qualsiasi genere o sottogenere musicale e lo traviamo in compagnia del metal.

Questo grazie a band come i Dream Theater, americani di New York, attivi dal 1985 e che propongono un metal non troppo forte accompagnato da organo hammond e tastiera ed i loro dischi sembrano sempre seguire un concept, tipico delle band progrock.

I Dream Theater hanno inventato il genere musicale del prog metal anche se qualcuno dice che siano stati i Queensryche, nel 1981, altra band americana famosa che propone metal e musica progressiva, ma all’ascolto risulta ben chiaro che il suono dei Dream Theater e’ molto diverso da quello dei Queensryche, e’ influenzato molto dalla musica prog degli anni 70, quella dei Genesis e Van Der Graaf Generator per intenderci.

I Dream Theater hanno inventato il progmetal ed e’ ancora vivo e forte nel loro ultimo album A Dramatic Turn of Events. La formazione originaria era composta da John Petrucci, James LaBrie, John Myung, Mike Portroy e Derek Sheriman ma nel tempo sono rimasti in tre perche’ Portroy e Sheriman decisero di uscire dal gruppo ed intraprendere una carriera solistica o alternativa a quella del gruppo.

Portroy, sicuramente uno dei migliori batteristi oggi in circolazione, fa parte adesso del progetto di rock progressivo dei Transatlantic, un supergruppo internazionale che ripropone il rock progressivo degli anni 70. Di Sheriman, invece, sembrano perse le tracce.

Al posto di Sheriman e Portroy troviamo adesso Jordan Duress alle tastiere e Mike Mangini alla batteria, di certo non inferiori ai loro predecessori nell’usare la tastiera e la batteria e la band non sembra risentirne molto anche perche’ i nuovi arrivati dovettero superare improbe audizioni per diventare membri effettivi dei Dream Theater.

Questi ultraquarantenni mantengono vivo ed interessante il rock in tutte le sue espressioni e seppur in una nicchia di mercato sono pur sempre seguiti da milioni di fan in tutto il mondo, basta andare ai loro concerti e notare come l’arena o lo stadio dove si esibiscono siano sempre pieni.

5 Comments

  1. Lorenzo 22 luglio 2011
  2. Andy 24 luglio 2011
  3. Andy 24 luglio 2011
  4. Maury 9 agosto 2011
  5. mrslovett 11 agosto 2011

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *