Inizia la sessantesima edizione del Festival di Sanremo

L’Italia e’ il paese delle liturgie televisive, ad uso e consumo della vasta platea di anziani, i quali sono gli unici fruitori della televisione generalista.

E’ il turno del Festival di Sanremo, che comincia questa sera.

E’ da tempo immemorabile che il rilievo musicale di questa manifestazione non esiste, poiche’ non si puo’certo dire che la musica italiana sia quella che viene proposta a questo festival, per cui l’unico motivo per cui si tiene e’ perche’ milioni di telespettatori ricordano con nostalgia i fasti di altri momenti della loro vita attraverso la pallida riedizione del grande festival che fu ai tempi d’oro.

Quest’anno la conduttrice e’ Antonella Clerici e i cantanti sono Arisa, Malika Ayane, Simone Cristicchi, Toto Cutugno, Nino D’Angelo, Irene Grandi, Fabrizio Moro, Nomadi, Noemi, Povia, il trio Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici, Enrico Ruggeri, Valerio Scanu, Sonohra, Marco Mengoni

Un gruppo variegato che assomiglia ad un pinzimonio pensato per soddisfare vari gusti musicali, costruito al solo scopo di aumentare l’audience della manifestazione.

Nutrito il programma. La prima serata si articolera’ sull’ esecuzione delle 15 canzoni degli Artisti e la presentazione dei dieci Artisti Sanremo Nuova Generazione.

Martedì 16 febbraio, sono previsti Paolo Bonolis e Luca Laurenti, Antonio Cassano, Susan Boyle, Dita Von Teese (ex spogliarellista).
Il giorno dopo interverranno: la regina Raina di Giordania, i tre “tenorini” Gianluca, Ignazio e Pietro, l’attrice di “Avatar” Michelle Rodriguez e il balletto del Moulin Rouge.

Giovedì 18 febbraio, sara’ caratterizzato dall’iniziativa “Quando la musica diventa leggenda”, la quale prevede che otto canzoni della storia del Festival, siano interpretati da artisti della musica italiana e internazionale: Eduardo Bennato, Miguel Bosè, Carmen Consoli, Riccardo Cocciante, Elisa, Fiorella Mannoia, Massimo Ranieri, Francesco Renga, Jennifer Lopez, Tokio Hotel, Bob Sinclair e molti altri.

Venerdì si prevedono i duetti degli Artisti in gara: Arisa – Lino Patrono&Jazz Band, Malika Ayane – Sabina Brazzo, Simone Chisticchi – Coro dei minatori di S. Fiora, Toto Cutugno – Belen Rodriguez, Nino D’Angelo – Ambrogio Sparagna e le voci del Sud, Irene fornaciari feat Nomadi – Mousse T & Suzie, Irene Grandi – Marco Cocci, Marco Mengoni – Solis String Quartet, Fabrizio Moro – Jarabe De Palo e DJ Jad, Noemi – Kataklo’, Povia – Marco Masini, Pupo, Emanuele Filiberto con il tenore Luca Canonici – Marcello Lippi, Enrico Ruggeri – Decibel, Valerio Scanu – Alessandra Amoroso, Sonohra – Dodi Battaglia.

Una ricetta ricca per quello che e’, ormai da anni, Sanremo: uno spettacolo televisivo.

L’anno scorso riusci’ il gioco di tenere incollati allo schermo milioni e milioni di spettatori, l’obiettivo dichiarato e’ quello di non discostarsi troppo da quella edizione record per non intaccare gli introiti pubblicitari della tv di stato.

Tutto il resto non conta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *