InStoria-InGiappone

Da non perdere, soprattutto per la novità dei temi trattati, l’uscita di InStoria Quaderni numero 20, dedicata al Paese del Sol Levante, l’affascinate Giappone, terra ricca di mistero, misticismo e tecnologia che si uniscono assieme per formare un connubio indissolubile tra tradizione e innovazione che solo questa terra riesce a rendere al massimo del suo potenziale.

La raccolta di saggi che compongono InGiappone sono interamente curate dal direttore della rivista Matteo Liberti, giornalista di Focus Storia, e prendono in considerazione i vari aspetti dello splendido Arcipelago che vanno dagli sport tipici come il Judo, il Baseball e il Sumo, alle località turistiche tipiche come Hakone, Kyoto, Nara e Nikko per quanto riguarda le mete culturali, e le isole di Shikoku e Kyushu per le incantevoli spiagge dove potersi deliziare con il surf dando sempre uno sguardo alle antichità e alla cultura nipponica.

Un occhio particolare è anche rivolto alle credenze religiose e filosofiche che vedono nel buddhismo e nello shintoismo le due correnti mistiche principali, a cui la popolazione si rivolge più per rispetto di una tradizione millenaria che per vera e reale credenza, essendo ambo le vie religiose più una guida morale e filosofica che una reale credenza su divinità legate ai fenomeni naturali che venivano venerate dai giapponesi fin dall’antichità. Nei templi shintoisti si possono infatti trovare tracce legate alle divinità legate al vento, alla terra, all’acqua e al fuoco, elementi naturali che non avendo una specificazione logica, se non dopo l’avvento della chimica e della fisica, hanno suscitato nella gente comune il desiderio dell’esistenza di forze naturali che muovessero gli eventi.

Una parte importante della rivista è anche legata alle tradizioni millenarie che vengono tutt’ora seguite dalla popolazione, che dimostra una vera e propria venerazione, oltre che rispetto, per i defunti, ai quali i giapponesi rimangono molto legati anche dopo la loro morte, alla cucina nipponica, molto apprezzata in Occidente, anche se ne assapora solo una piccolissima parte, e ai manga, i fumetti giapponesi dai quali sono stati tratti una miriade di cartoni animati, chiamati anime, che hanno fatto crescere milioni di ragazzi in Italia e in Europa, come Holly e Benji, Lady Oscar, Mazinger Z, Goldrake, Devilman, Saint Seiya e tantissimi altri che ancora oggi vengono periodicamente trasmessi.

La rivista può essere acquistata direttamente sul sito web della casa editrice GB Editoria al prezzo di 8,00 euro, o in alternativa nelle librerie tematiche specializzate nei testi di turismo storico.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *