Intel sleale, ma AMD risponde

intel-admÈ noto che nel mondo del mercato vince chi è più determinato, più competitivo e più fortunato, ma a vincere spesso è il più furbo e disonesto…

Di recente la famosa azienda californiese Intel è indagata per aver violato le norme antitrust e aver influito negativamente sul mercato a spese di Amd.

Accortasi della truffa subita Amd ha ovviamente fatto causa alla Intel denunciando quest’ultima di averle impedito di far entrare sul mercato mondiale i suoi nuovi processori (ovviamente migliori e con un prezzo inferiore rispetto a quelli prodotti dall’azienda competitrice).

Le manovre dell’Intel sono sotto indagine, ma sembrano già trapelare informazioni da email ed altri documenti che dimostrerebbero diversi contratti illegali con altre case produttrici e un avvicinamento troppo forte all’azienda statunitense Dell, il tutto per oscurare Amd dal mercato.

Ma non c’è da sorprendersi: questo episodo è molto simile a quello già avvenuto nel 2005, che ha avuto come protagoniste sempre Intel a Amd, dove l’Intel è stata sanzionata per 1 miliardo e mezzo di dollari.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *