ISAE: male la fiducia dei consumatori a gennaio

Cala drasticamente a gennaio l’indice della fiducia dei consumatori (ISAE) passando da 113,7 di dicembre al 111,7.

Il dato è ancora peggiore rispetto alle stime raccolte fra gli analisti che prevedevano un calo modesto: il valore dell’indice a 113,5. Il calo dell’indice fa sì che di fatto la fiducia dei consumatori si riporti sui valori dell’ottobre 2009.

Il lato positivo della vicenda consiste nel fatto che comunque i dati di gennaio 2010 sono migliori rispetto a quelli della fine 2008, periodo nel quale la crisi è entrata nel vivo.

Lo riferisce un comunicato dell’Isae in cui si aggiunge che l’indice è tornato “sui valori dello scorso ottobre, rimanendo tuttavia su livelli ben superiori a quelli medi dello scorso anno”.

I consumatori rimangono comunque pessimisti circa la situazione economica corrente, che si traduce in un’aspettativa di peggioramento della propria condizione economica personale. Grande peso sul risultato negativo della fiducia dei consumatori ha avuto l’aspettativa sul lavoro, dove i giovani sono precari e gli ultraquarantenni a rischio di perdita dell’attuale impiego non vedono prospettive di ri-occuparsi in breve tempo.

Di conseguenza, in un’ottica di risparmio, calano le intenzioni di spesa per i prossimi mesi, soprattutto nel campo dei beni durevoli.   Unica nota positiva: i consumatori hanno notato nell’ultimo anno un lieve calo dei prezzi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *