La battaglia dei Carrisi: Romina riapre le ostilità

Cronache di un divorzio non annunciato. Si, perche’ il matrimonio di Albano e Romina e’ stato per 29 anni la favola a cui gli italiani, e non solo, hanno creduto. La coppia perfetta che condivideva tutto dalla carriera alla famiglia.

La notizia del loro improvviso divorzio arriva dopo le continue  incomprensioni dovute alla scomparsa della figlia Ylenia. Dopo la separazione i riflettori su i due vip sembrano attenuarsi. Albano ha un’altra relazione da cui nascono due figli.

Oggi, pero’ la guerra dei Carrisi si e’ riaperta. Dopo dodici anni dal loro divorzio, negli studi televisivi del programma spagnolo “Salvame Deluxe” Romina Power accusa duramente l’ex coniuge:” Mio marito era un dittatore. Ylenia voleva andarsene di casa e aveva un rapporto tormentato con il padre…”

Albano, non ci sta’! Dagli schermi di telecinco risponde:” Romina ha fatto sempre uso di droghe, tranne durante le gravidanze, faceva parte della sua cultura. Sono sicuro che e’ stata lei ad iniziare Ylenia alla marijuana…”.

Queste reciproche accuse hanno scosso l’opinione pubblica che ha dato molta rilevanza all’accaduto. Inoltre la figlia Cristel in una intervista ha difeso il padre dall’accuse di maltrattamenti, riaffermando le continue attenzioni del genitore sia nei suoi confronti che dei suoi fratelli.

Le dichiarazioni di Romina e Albano sono state un vero e proprio evento mediatico, hanno registrato un boom di ascolti. Dall’altra parte Albano e Romina per sfogare rabbia e rancori hanno preso cifre da capigiro ( 120.00 euro lui, 150.000 lei).                                          Ne e’ valsa la pena? Sembra proprio di si! Certe parole dette dopo anni hanno un effetto amplificato e colpiscono di piu’ il pubblico.

Qualche giorno dopo la Power ha parzialmente smentito le sue dichiarazioni sostenendo di essere stata fraintesa.
Che vicenda triste, per due che hanno costruito la loro fortuna cantando “…felicita’ e’ un bicchiere di vino con un panino…” che bei tempi  quando bastava così poco!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *